In Russia record di contagi e decessi da Covid -19

La variante denominata Delta Plus preoccupa le autorità russe che, visto l'incremento di contagi e decessi, auspicano una accelerazione della campagna vaccinale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45

L’agenzia di stampa ufficiale russa denominata Tass in data odierna ha rilevato – sulla base dei dati forniti dal Centro operativo per la lotta al coronavirus – che nel paese sono stati registrati oltre 21.042 casi di infezione da Covid – 19 portando i casi totali ad oltre 5.514.599 unità con il numero di morti che in data odierna ha rilevato il tristissimo record 669 vittime.

La variante Delta Plus incrementa il numero dei contagi

Tanto premesso, è utile rilevare che, nel corso dell’ultima settimana nel paese ha fatto il suo ingresso il nuovissimo ceppo del virus denominato Delta plus, di quale risulta molto più contagioso e difficile da curare, questo ha portato il governo a varare nuove misure restrittive con l’obiettivo di frenare in tempi rapidi i contagi e contestualmente incentivare la campagna vaccinale che, allo stato attuale risulta aver raggiunto solo 22 milioni di persone – ovvero il 15% dell’intera popolazione – con almeno una dose di vaccino.

Urge incrementare la campagna vaccinale

Rispetto a quanto precedentemente esemplificato, considerata la preoccupante situazione legata al protrarsi dell’infezione, il presidente russo Vladimir Putin ha esortato i cittadini russi a sottoporsi al vaccino in quanto lo stesso costituisce l’unica via per uscire dalla pandemia e, contestualmente a ciò, ha espresso l’auspicio che i pregiudizi nei confronti dei vaccini spariscano presto in Russia e che la campagna vaccinale possa procedere. Il particolare, nelle ultime ventiquattr’ore, a Mosca si sono registrati 5823 nuovi contagi e a San Pietroburgo 2583, in particolare quest’ultima e fonte di notevole preoccupazione per le autorità sanitarie russe in vista dei quarti di finale degli europei di calcio previsti per il prossimo venerdì.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.