Domani in Vaticano la giornata di preghiera e dialogo per il Libano

Capi cristiani convocati a Roma da Papa Francesco per pregare e scrutare insieme i “segni dei tempi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
LIbano

Domani il Papa riunisce i leader cristiani del Libano. Per una giornata di preghiera e dialogo in Vaticano. L’obiettivo è “camminare insieme”, spiega il cardinale Leonardo Sandri. Prefetto della congregazione per le Chiese orientali. Nella Sala Clementina i partecipanti condivideranno tre sessioni di confronto. Non un elenco di lamenti e critiche. Rivolte all’immobilismo e alle colpe della classe politica del Libano. Ma l’occasione per guardare ai “segni dei tempi”. Che punteggiano, evidenzia Fides, l’attuale fase.

Libano
(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Convivenza in Libano

Si parte dalla convivenza tra le 18 denominazioni religiose che compongono il mosaico libanese. Senza i conflitti settari che hanno dilaniato nell’ultimo decennio la vicina Siria. E altri Paesi mediorientali come l’Iraq. Il “miracolo” del Libano resiste alle pressioni di fronti esterni. In lotta per il potere.libano

Cammini di fraternità

Gli spunti di ispirazioni per il Libano vanno ricercati nei cammini di fraternità suggeriti anche da Papa Francesco. Con il documento di Abu Dhabi. Il viaggio in Iraq. L’incontro con l’Ayatollah Ali al Sistani. L’enciclica Fratelli Tutti. Superando le narrazioni obsolete, manipolatorie e fuorvianti. Che “soprattutto in Occidente”, secondo Fides, continuano a distorcere la realtà. Rappresentando il paese dei cedri come una sorta di “roccaforte cristiana”. Assediata dall’ostilità islamica.  All’incontro in Vaticano sarà presente domani anche l’arcivescovo Joseph Spiteri. Nunzio apostolico in Libano. Non ci sarà, invece, un rappresentante del patriarcato di Cilicia degli armeni cattolici. I vescovi di quella Chiesa patriarcale, infatti, partecipano in Libano al Sinodo per l’elezione del nuovo patriarca.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.