Roma, riapre il Ponte di Ferro: “Ossigeno per il quadrante”

Il Ponte dell'Industria torna a collegare i quartieri Ostiense e Marconi dopo il rogo del 3 ottobre. Gualtieri presente alla riapertura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:50
Ponte di Ferro riapertura

Settanta giorni, o giù di lì. Tanto ha richiesto il Ponte dell’Industria, meglio noto come Ponte di Ferro, per tornare operativo. E per contribuire a smaltire nuovamente il traffico nella zona fra Ostiense e Testaccio, nel cuore di Roma, convogliato su altri attraversamenti del Tevere dopo il rogo del 3 ottobre scorso. Una notte letteralmente di fuoco per la Capitale, alla soglia delle elezioni amministrative. Il Ponte di Ferro era stato letteralmente dilaniato dalle fiamme, che avevano lesionato gravemente la struttura di ferro, facendo piombare nel fiume alcuni frammenti. La chiusura per i lavoro di restauro aveva costretto la mobilità a numerose deviazioni per l’accesso al quadrante dei quartieri Ostiense e Marconi.

Gualtieri inaugura la riapertura

Ora il ponte è nuovamente attraversabile, con il sindaco Roberto Gualtieri a inaugurare la riapertura assieme all’assessore ai Lavori Pubblici, Onrella Segnalini. Presenti anche il titolare dei Trasporti, Eugenio Patanè, e le autorità municipali. Per il primo cittadino si tratta di una “riapertura rapida e tempestiva che ridà ossigeno ad un intero quadrante”. A ogni modo, sembra che gli interventi comunali non si fermeranno qui.

Verso il nuovo Ponte di Ferro

Gualtieri ha fatto sapere che il Campidoglio è intenzionato a ristrutturare il Ponte di Ferro “per aumentarne il carico e, sebbene non in modo sostanziale, la dimensione”. L’obiettivo, secondo il Campidoglio, è “risolvere i problemi storici di questo ponte che inizialmente era ferroviario”. Si cerhcerà di “spostare il passaggio pedonale su due passerelle sotto, eliminare i marciapiedi creando un passaggio più agevole per le vetture e soprattutto dando vantaggi ai trasporti pubblici”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.