Partorire senza dolore? É possibile

Ecco una rara variante genetica che funziona da epidurale naturale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:41
parto

Mettere al mondo un figlio per le donne è il gesto di amore più bello che ci sia. Ma si sa non è sempre una passeggiata, il travaglio spesso può essere lungo e doloroso. Ad ogni modo il momento in cui la mamma può abbracciare il pargolo ripaga di qualsiasi sofferenza.

Partorire senza dolore per le donne è possibile

Questa fortuna non riguarda tutti. Infatti, chi ci riesce senza l’aiuto dell’analgesia ha la fortuna di avere dalla sua parte una variante genetica che si trova solo in una donna su 100 e che limita la capacità delle cellule nervose di inviare segnali di dolore al cervello.
A rivelare il segreto dell’epidurale naturale, come riportato dall’Ansa, è un articolo pubblicato sulla rivista Cell Reports .

Lo studio di Cambridge

Il parto è riconosciuto come una delle esperienze fisicamente più dolorose, tuttavia l’esperienza varia molto da persona a persona. Un team di clinici e scienziati dell’Università di Cambridge, guidati da Michael Lee, ha cercato di indagare sul motivo per cui alcune madri sono più risparmiate dal dolore.

I test

Hanno quindi reclutato un gruppo di donne che avevano partorito il primogenito senza analgesia durante un parto vaginale. Rispetto a un gruppo di controllo di madri che avevano avuto necessità dell’epidurale durante il parto, il primo gruppo ha mostrato meno sensibilità durante una serie di test per il calore, il freddo e la pressione meccanica.
Successivamente è stato sequenziato il codice genetico di tutte le donne: quelle che avevano partorito senza epidurale avevano una prevalenza più alta di una variante rara del gene KCNG4.

Cosa produce il gene KCNH4

Questo gene fornisce il codice per la produzione di una proteina che controlla il segnale elettrico che scorre nelle cellule nervose e la variante rara che si trova in una donna su 100 porta a un “difetto” di sensibilità di questo interruttore, riducendo la sensibilità delle cellule nervose.
In pratica, come è stato poi confermato anche in uno studio condotto su topi, agisce come un’epidurale naturale e richiede un stimolo molto più grande – contrazioni più forti durante il travaglio – per essere acceso, rendendo meno probabile che i segnali elettrici del dolore possano raggiungere il cervello.
La speranza dei ricercatori è che ciò possa anche aprire strade allo sviluppo di nuovi farmaci per gestire il dolore.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.