Oms: “In calo del 25,5% i nuovi casi di vaiolo delle scimmie”

Tra il 29 agosto e il 4 settembre si sono registrati nel mondo 5.029 casi, con un calo del 25,5% rispetto alla settimana precedente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:48

Rallenta l’epidemia di vaiolo delle scimmie: nella settimana tra il 29 agosto e il 4 settembre, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si sono registrati nel mondo 5.029 casi con un calo del 25,5% rispetto alla settimana precedente.

Al 5 settembre si contano 52.997 casi confermati globalmente, 398 probabili e 18 decessi. 

I casi nei Paesi maggiormente colpiti sono: 19.351 negli Usa, 6.645 in Spagna, 5.197 in Brasile, 3.646 in Francia, 3.493 in Germania, 3.413 in UK, 1.546 in Perù, 1.289 in Canada, 1.172 in Olanda, 871 in Portogallo.

Al 5 settembre si contano 18 decessi

Il rapporto dell’Oms conferma la netta prevalenza maschile delle infezioni (il 98,2% dei casi) e la giovane età dei pazienti, con un’età mediana di 36 anni.

“Tra i casi in cui è noto l’orientamento sessuale, il 95,2% (11.923 su 12.529) si identifica come uomo che fa sesso con altri uomini – scrive l’Organizzazione Mondiale della Sanità – Tra quelli in cui è noto lo status Hiv, il 44.9% (5.576 su 12.410) è Hiv-positivo“. Sono inoltre riportati 313 casi in operatori sanitari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.