Ok del Cts a prolungamento durata del Green pass, la Sicilia zona gialla da lunedì

Parere positivo degli esperti alla proposta di prolungamento della scadenza del certificato verde da 9 a 12 mesi. In Sicilia si registrano un'occupazione di letti in area medica al 19,4% (contro il 15%) e del 12,1% in terapia intensiva (contro il 10%)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:27

Nella giornata di oggi, sul versante sanitario, parere positivo del Cts all’estensione della durata del green pass fino a 12 mesi e la firma dell’ordinanza che porta, da lunedì, la Sicilia in zona gialla.

Il parere

Dagli esperti del Comitato tecnico scientifico, riunitisi oggi, è arrivato il parere positivo in merito alla proposta di prolungamento, da nove a 12 mesi, della scadenza del certificato verde nove a 12 mesi, riporta Adnkronos Salute.

Sicilia in zona gialla

L’isola è la prima regione italiana a cambiare (di nuovo) colore. “Ho appena firmato una nuova ordinanza che porta la Sicilia in zona gialla”, ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza. “E’ la conferma che il virus non è ancora sconfitto e che la priorità è continuare ad investire sulla campagna di vaccinazione e sui comportamenti prudenti e corretti di ciascuno di noi”.

Gli indicatori della Sicilia superano infatti i valori stabiliti nei parametri attuali, l’occupazione di letti in area medica e in terapia intensiva. Per il primo è stata infatti stabilita la soglia del 15%, e l’isola fa registrare un 19,4%, mentre per il secondo la soglia è del 10% e in Sicilia è al 12,1%, riporta Agi.

Le parole di Musumeci

“La zona gialla in Sicilia, decisa dal ministro per la Salute che ho sentito poco fa al telefono, non coglie di sorpresa alcuno”, ha detto il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci. “E’ il risultato di un’isola che negli ultimi mesi da un lato ha subìto la intensa propaganda contro il vaccino, dall’altro lato è stata meta di milioni di turisti”, ha aggiunto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.