Nigeria, liberati tre seminaristi rapiti

A 48 ore di distanza dall'attacco in cui sono rimaste ferite sei persone, in quel momento nella struttura erano presenti in più di 130 tra studenti, il rettore e membri dello staff

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:14
Fonte Aiuto alla Chiesa che Soffre

Sono stati liberati tre giovani seminaristi rapiti lunedì scorso in Nigeria, studenti di teologia al quarto anno del Seminario maggiore Cristo Re. La buona notizia è stata comunicata alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che soffre da padre Emmanuel Uchechukwu Okolo, cancelliere della Diocesi di Kafanchan.

Al momento dell’attacco, in cui sono state ferite sei persone, più di 130 seminaristi erano all’interno della struttura, insieme al rettore e allo staff.

Lorem ipsum

“Con i cuori pieni di gioia, eleviamo le nostre voci in una sinfonia di lodi mentre annunciamo il ritorno dei nostri tre seminaristi, liberati appena 48 ore dopo il loro rapimento”, ha scritto padre Uchechukwu Okolo.

In un ulteriore messaggio inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, il direttore dell’Albertines’s Institute padre Emmanuel Faweh Kazah, insegnante del seminario dal quale i giovani sono stati rapiti, scrive: “Non ci lasceremo intimidire dalle minacce provenienti da uomini e donne della malavita”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.