Migranti, naufragio in Grecia: decine i dispersi

L'imbarcazione era partita dalla Turchia ed era diretta in Italia. Da gennaio 2022 nel Mediterraneo orientale sono morti 64 migranti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:35
immagine di repertorio

Decine di migranti sono naufragati nel Mar Egeo sud orientale dopo che la loro imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos. Un funzionario dell’ufficio stampa della Guardia Costiera greca ha dichiarato all’Afp che “finora sono state tratte in salvo 29 persone di nazionalità afghana, irachena e iraniana. Le ricerche continuano perché, secondo le loro dichiarazioni, sulla barca c’erano tra le 20 e le 50 persone“. Le ricerche sono ostacolate dalle condizioni meteo, come ha dichiarato Nikos Kokalas, portavoce della guardia costiera, in quanto tirano dei forti venti.

Le informazioni sull’imbarcazione

L’imbarcazione affondata era salpata dalla città turca di Antalya ed era diretta in Italia. La guardia costiera ha rigferito che “molti dei naufraghi non indossavano giubbotti di salvataggio“. La pericolosa traversata di poche miglia nautiche tra le isole greche e la costa turca nel Mar Egeo, situato nel Mediterraneo orientale, costa la vita a molti migranti e rifugiati che cercano di raggiungere l’Europa a bordo di imbarcazioni di fortuna per fuggire da guerre e miseria.

I dati dell’Oim

Secondo i dati dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim), dal gennaio 2022 sono morte 64 persone nel Mediterraneo orientale e 111 nel 2021. L’ultimo naufragio nel Mar Egeo è avvenuto il 19 giugno, quando otto persone sono morte al largo dell’isola di Mykonos e 108 sono state salvate dalla guardia costiera greca. Secondo le autorità greche, quest’anno è aumentato il numero di arrivi di migranti e rifugiati in Grecia, soprattutto dalla Turchia. Atene accusa Ankara di aver chiuso un occhio sulle pratiche dei trafficanti e di aver permesso ai migranti di arrivare in Grecia in violazione di un accordo del marzo 2016 che prevedeva uno sforzo da parte della Turchia per limitare l’immigrazione dal suo territorio in cambio di aiuti finanziari europei. La Turchia nega queste accuse.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.