Congo, banditi assaltano chiesa: ucciso un sacerdote

L'assalto alla parrocchia nella notte tra il 6 e il 7 agosto. Il cordoglio di monsignor Timothée Bodika Mansiyai, vescovo di Kikwit

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:47

Un sacerdote cattolico è stato ucciso nella Repubblica Democratica del Congo da alcuni banditi armati durante un assalto alla sua parrocchia. “Padre Godefroid Pembele Mandon è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nella notte tra il 6 e il 7 agosto 2022, presso la parrocchia di San Giuseppe Mukasa a Kikwit da parte di banditi armati che hanno assalito la chiesa. Trasferito a Kinshasa, è morto domenica 7 agosto al centro ospedaliero Olive Lembe Kabila di Nsele”, riferisce il necrologio firmato il 7 agosto 2022 da don Francis Emmanuel Kimwanga, cancelliere della diocesi di Kikwit, letto alla radia diocesana e riportato oggi da Fides.

Le parole di mons. Timothée Bodika Mansiyai

Sua Eccellenza mons. Timothée Bodika Mansiyai, vescovo di Kikwit, è profondamente rattristato nell’annunciare ai suoi fedeli e alle persone di buona volontà la triste notizia della morte di padre Godefroid Pembele Mandon. Raccomandiamo l’anima dell’illustre defunto le vostre ferventi preghiere”, prosegue il messaggio. Nella stessa notte, anche un’altra parrocchia situata nella stessa città di Kikwit, Saint Murumba, è stata attaccata da banditi armati “che hanno derubato delle donne che si stavano preparando alla prima messa di un nuovo prete e hanno portato via molti beni a un catechista”, affermano fonti concordanti. In un messaggio di cordoglio, un notabile del luogo, Thesky Mayoko – riporta ancora l’agenzia vaticana -, scrive: “Condivido il dolore con tutta la Comunità cristiana cattolica della città di Kikwit. E condanno con forza questa barbarie che attualmente domina nella città di Kikwit. Faccio appello alle autorità politico-amministrative della città di Kikwit affinché aprano un’inchiesta giudiziaria per rintracciare tutti gli autori di questo crimine per rispondere dei loro atti criminali davanti ai tribunali”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.