L’informativa del ministro Lamorgese al Parlamento

Dopo aver riferito alla Camera dei deputati sugli scontri di Roma dello scorso 9 ottobre, il ministro dell'Interno ha parlato nell'aula del Senato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49
La ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, all'evento di "Ricomincia con Noi", 09 ottobre 2020. ANSA/Mourad Balti Touati

Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha riferito oggi in aula a Montecitorio e a Palazzo Madama sugli scontri dello scorso 9 ottobre a Roma.

Le manifestazioni

Sono state oltre cinquemila le manifestazioni di protesta in oltre un un anno e mezzo, opiù della metà nel 2021, in base ai dati forniti dal ministro. Nella prima parte del suo intervento Lamorges ha affermato che “da febbraio 2020 al 18 ottobre si sono tenute 5.569 manifestazioni di protesta, più della metà nel 2021, e di queste 1.526 tra il 22 luglio e il 18 ottobre, che hanno riguardato la contestazioni al Green pass“.

Ricostruzione

Venendo al 9 ottobre, “nell’immediatezza dei fatti ho chiesto al capo della polizia una dettagliata ricostruzione delle evidenti delle criticità che, occorre riconoscerlo, hanno contrassegnato la gestione dell’ordine pubblico di quelle ore”, ha detto Lamorgese. “E’ palese che non si sia riusciti a contenere tutti i propositi criminali da cui era mossa la parte violenta dei manifestanti, specie quella istigata da elementi più politicizzati”.

“Respingo questa lettura”

Il ministro ha poi fatto riferimento a una lettura dei fatti “che tende ad accreditare la tesi di un disegno assecondato da comportamento delle forze dell’ordine, devo respingere fermamente questa lettura“, perché essa “insinua il dubbio che le forze della polizia si prestino ad essere strumento di oscure finalità politiche“. “E’ un’ingiusta accusa, che getta un’ombra inaccettabile sull’operato delle forze ordine”, ha ribadito Lamorgese.

L’assalto alla Cgil

Il momento più drammatico“, ha continuato il ministro riferendosi all’irruzione nella sede della Cgil “che ha turbato l’opinione pubblica per la violenza dell’azione distruttiva e lo sfregio alla democrazia“. “Un momento durato otto angoscianti minuti, che ha avuto il suo apice tra le 17.32, quando i manifestanti irrompono nella sede sindacale, e le 17.35, quando le forze di polizia riprendono il controllo della situazione e liberano i locali”, ha ricostruito Lamorgese

I fatti di Trieste

Nel corso dell’informativa il ministro ha parlato anche di quanto accaduto a Trieste. “Nonostante il richiamo del prefetto di Trieste alla palese illegittimità dello sciopero, è stato attivato un presidio al varco 4”, impedendo lo scarico e carico merci a 700 mezzi pesanti e “a fronte di tale situazione il prefetto ha indetto un comitato urgente di sicurezza in cui si è condiviso di effettuare lo sgombero. Nei momenti di maggiore tensione si è prefigurato il pericolo di degenerazione dell’ordine pubblico ed è stato necessario l’uso di idranti e lacrimogeni”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.