A fuoco un palazzo nel centro di Torino, evacuate cento persone

L'incendio è scoppiato nella mattinata. La zona è stata isolata ed è stata sospesa la corrente elettrica. Cinque persone hanno fatto ricorso alle cure dei sanitari. La sindaca Appendino ha incontrato le persone evacuate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:18

A pochi giorni dall’incendio che ha distrutto un edificio a Milano, da stamattina un rogo brucia un palazzo nel centro di Torino, tra via Lagrange e Piazza Castello, estendendosi ad altre case dello stesso isolato. Un centinaio di persone sono state evacuate, cinque hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari. Il primo cittadino ha incontrato gli sfollati ed è stata allestita una postazione mobile della Protezione civile.

L’intervento

Si sarebbero udite alcune esplosioni, forse causato dallo scoppio delle bombole nelle mansarde raggiunte dalla fiamme. L’intera zona è stata isolata, le auto parcheggiate nella piazzetta sono state spostate ed è stata sospesa l’erogazione della corrente elettrica.

Le forze dell’ordine hanno evacuato un centinaio di persone, cinque sono ricorse all’aiuto dei sanitari sul posto. Si tratterebbe, scrive Ansa, di un operaio e di due agenti di polizia con lievi ustioni e due condomine, che non si trovavano in casa al momento dell’incendio, che avrebbero accusato lievi malori.

Le autorità locali

La sindaca del capoluogo piemontese Chiara Appendino, insieme all’assessore comunale alla Protezione Civile Alberto Unia, ha incontrato le persone evacuate nell’incendio, assicurandogli che il Comune farà la sua parte.

Per fornire assistenza e generi di prima necessità è stata allestita una postazione mobile della Protezione civile, mentre sarebbe stata garantita accoglienza in un housing sociale a chi avesse necessità di un ricovero notturno.

Notizia in aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.