Ema, l’ok alla terza dose di vaccino per i soggetti fragili

Ad almeno 28 giorni di distanza dalla somministrazione della seconda dose nelle persone con un sistema immunitario debole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:26

Dall’Agenzia europea del Farmaco arriva il parere favorevole a una terza di dose di vaccino nei soggetti immunodepressi almeno 28 giorni dopo la somministrazione della seconda dose.

La raccomandazione

Secondo l’indicazione fornita dal Comitato dell’Ema, una terza dose dei vaccini Comirnaty (BioNTech/Pfizer) e Spikevax (Moderna) “può essere somministrata alle persone che abbiano una grave debolezza del sistema immunitario almeno 28 giorni dopo la seconda dose”. La raccomandazione dell’ente europeo con sede ad Amsterdam, si legge in una nota, è arrivata dopo che degli studi hanno indicato che una extra dose di questi vaccini aumenta la capacità di produrre anticorpi contro il virus che causa il Covid-19 in pazienti che abbiano subito un trapianto e quindi abbiano un sistema immunitario indebolito.

Over18

L’Agenzia ha valutato che un richiamo del vaccino Pfizer somministrato ad almeno sei mesi di distanza dalla seconda dose contribuisce, nelle persone tra i 18 e i 55 anni, all’aumento della produzione di anticorpi, mentre è ancora oggetto di valutazione la somministrazione di una terza dose del vaccino Moderna, il Spikevax.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.