Draghi: “Vogliamo accelerare la transizione energetica e creare opportunità di sviluppo e occupazione”

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e l'ad dell'Eni Claudio De Scalzi hanno siglato, rispettivamente, un protocollo sulla cooperazione in campo energetico e un accordo tecnico sul gas

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:13
Algeri, 11/04/2022 - Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, con il Presidente della Repubblica algerina democratica e popolare, Abdelmadjid Tebboune, al Palazzo “El Mouradia”.

“I rapporti tra Italia e Algeria hanno radici profonde”, ha detto il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi dopo la firma degli accordi su energia e gas con il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune. “L’Algeria è il primo partner commerciale dell’Italia nel continente africano – e l’interscambio tra i nostri Paesi è in forte crescita. A novembre, c’è stata la visita del Presidente della Repubblica con l’intitolazione del giardino “Enrico Mattei”. Mattei è stato un grande protagonista della collaborazione tra i nostri Paesi, una collaborazione che oggi rafforziamo ulteriormente”.

Italia pronta a lavorare con l’Algeria

“I nostri Governi hanno firmato una Dichiarazione d’Intenti sulla cooperazione bilaterale nel settore dell’energia. A questa si aggiunge l’accordo tra Eni e Sonatrach per aumentare le esportazioni di gas verso l’Italia“, ha continuato il capo dell’esecutivo. “L’Italia è pronta a lavorare con l’Algeria per sviluppare energie rinnovabili e idrogeno verde. Vogliamo accelerare la transizione energetica e creare opportunità di sviluppo e occupazione“.

Ridurre la dipendenza dal gas russo

“Subito dopo l’invasione dell’Ucraina, avevo annunciato che l’Italia si sarebbe mossa con rapidità per ridurre la dipendenza dal gas russo. Gli accordi di oggi sono una risposta significativa a questo obiettivo strategico, ne seguiranno altre”, ha affermato. “Il governo vuole difendere i cittadini e le imprese dalle conseguenze del conflitto. Voglio ringraziare i ministri Di Maio e Cingolani e l’Eni per il loro impegno su questo fronte”, ha aggiunto.

Il vertice intergovernativo ad Algeri

“Italia e Algeria vogliono rafforzare la cooperazione anche in altri settori. All’incontro di oggi seguirà il quarto Vertice intergovernativo che – ho il piacere di annunciare – si terrà qui ad Algeri il prossimo 18 e 19 luglio“, ha detto ancora Draghi. “Prima del Vertice Intergovernativo – ha aggiunto – incontrerò, nuovamente, con il massimo piacere, il Presidente Tebboune, in occasione della sua visita di Stato in Italia a fine maggio”

Gli accordi

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha firmato con il suo omologo algerino Ramtane Lamamra il protocollo di intesa intergovernativo tra Italia ed Algeria per rafforzare la cooperazione in campo energetico. L’ad di Eni Claudio Descalzi ha siglato in parallelo l’accordo tecnico con i vertici di Sonatrach relativo alla produzione di gas, alla quantità contrattuale e alla definizione dei prezzi per il 2022-2023.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.