Covid-19, 24 decessi in 24 ore: è il minimo da febbraio

Il conteggio totale delle vittime sale a 34.634. Sono 128 i nuovi contagi registrati in Lombardia, il 57,1% del totale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:38

Tocca i livelli minimi giornalieri il numero dei decessi da coronavirus in Italia: 24 vittime nelle ultime 24 ore, a fronte delle 49 registrate ieri. Un dato così basso non si vedeva dalla fine di febbraio, agli inizi della pandemia e prima del lockdown. Tredici le vittime in Lombardia, 23 quelle registrate ieri. Il totale complessivo dei decessi arriva dunque a 34.634. Sono in tutto 238.499 i contagiati, con un incremento giornaliero di 224, leggermente meno rispetto alla giornata di ieri (262). Sono 128 i nuovi contagi registrati in Lombardia, pari al 57,1% del totale. Sette regioni non hanno segnalato nuovi casi: Marche, Abruzzo, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. Sedici quelle senza nuovi decessi.

Oms e tamponi

Per quanto riguarda i guariti, l’incremento è stato di 440, poco meno rispetto a 24 ore fa (546). Al momento, i malati sono 20.972, 240 meno di ieri. Di questi, 148 sono ricoverati in terapia intensiva, 4 meno di ieri (53 in Lombardia), mentre i malati ricoverati nei reparti sono 2.314, con un calo di 160 rispetto a ieri. Altri 18.510 sono in isolamento domiciliare, 76 in meno di ieri. Il tutto nella giornata in cui l’Oms rivede i parametri per dichiararsi completamente guariti dal virus. Non saranno più necessari i due tamponi negativi a distanza di 24 ore: “Se un paziente ha avuto sintomi per due giorni, potrebbe essere esentato dall’isolamento dopo 10 giorni più 3, pari a 13 giorni dalla data di insorgenza dei sintomi; un paziente con sintomi per 14 giorni, può essere dimesso (14 giorni più 3 giorni, pari a 17 giorni dopo la data di insorgenza dei sintomi; con sintomi per 30 giorni, il paziente può essere dimesso (30 giorni più 3, quindi 33 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi)”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.