Cile: vince il si alla riforma della Costituzione

Il nuovo testo sarà scritta da un'Assemblea popolare. Piñera: "Nel referendum ha trionfato la democrazia"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:08
Costituzione

I cileni hanno votato ieri a larghissima maggioranza a favore di una nuova Costituzione. Questa va in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, in un referendum tenuto un anno dopo una massiccia rivolta popolare contro le disuguaglianze sociali. Secondo i risultati quasi definitivi che coprono oltre il 99% dei seggi elettorali, i voti a favore di una nuova Costituzione hanno vinto di gran lunga con il 78,28%. L’affluenza è stata intorno al 50%, secondo l’autorità elettorale del Cile.

Costituzione

La nuova Costituzione

Dopo aver approvato a grande maggioranza (78,3%) la proposta di riformare la Costituzione in vigore ereditata da Augusto Pinochet. I cileni hanno anche deciso, con una maggioranza del 79,24%, che il lavoro di riscrittura sarà realizzato da una Assemblea costituente. Questa sarà composta al 100% da persone scelte attraverso un voto popolare. L’altra opzione, di un organismo formato per il 50% da parlamentari e dal 50% da persone scelte attraverso una elezione ha ottenuto soltanto il 21% di consensi. Quindi i 155 membri dell’Assemblea costituente saranno scelti in occasione delle elezioni amministrative dell’11 aprile 2021, sulla base di un criterio di parità di genere e con una rappresentanza di delegati delle popolazioni indigene. L’Assemblea costituente avvierà i suoi lavori nel maggio 2021 e il risultato del suo lavoro sarà sottoposto da un referendum di ratifica popolare che si svolgerà nel secondo semestre del 2022. In caso di approvazione la nuova Costituzione entrerà in vigore immediatamente, sostituendo automaticamente la precedente.

Costituzione

La vittoria della democrazia

Il presidente cileno Sebastián Piñera ha dichiarato, dopo aver conosciuto l’ampia vittoria del sì (78,3%) alla riforma della Costituzione, che “i cileni hanno espresso la loro volontà”. “Hanno scelto una Assemblea costituente che avrà piena uguaglianza tra uomini e donne per redigere una nuova Costituzione per il Cile”. “Ciascun voto – ha proseguito – ha avuto lo stesso valore”. “Ha trionfato la cittadinanza e la democrazia, l’unità sulla divisione, la pace sulla violenza, e questo è un trionfo dei cileni. Questo trionfo della democrazia ci deve riempire di gioia e speranza, perché abbiamo dimostrato che il dialogo è più fecondo dell’intolleranza”.

L’inizio di un nuovo cammino

Questo “plebiscito” (referendum), ha concluso, “non è la fine, ma l’inizio di un cammino che tutti insieme dobbiamo percorrere per arrivare alla nuova Costituzione che (…) deve essere la casa di tutti”. Fin dalla diffusione dei primi dati migliaia di cileni si sono riversati nelle strade del centro di Santiago. In festa anche molte altre città cilene (Iquique, La Serena, Valparaíso, Santiago, Talca, Concepción e Punta Arenas) celebrano la vittoria. Nella Plaza Baquedano della capitale, ribattezzata da un anno Plaza Dignidad, i manifestanti hanno esposto un enorme striscione. Si leggeva “Plaza Dignidad, non dimentichiamo il 1973”. É l’anno del cruento colpo di stato che pose fine al governo di Unidad Popular del presidente Salvador Allende.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.