Bollettino Covid: 2.079 nuovi casi, 88 decessi

Il tasso di positività resta stabile rispetto a ieri. Alle 6 di stamattina sono state somministrate 39,8 milioni di dosi di vaccino, l'88,1% di quelle disponibili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:36

Diminuiscono i nuovi casi di persone riscontrate positive al Coronavirus rispetto a 24 ore fa, così come i degenti nei reparti ospedalieri. In cinque Regioni nessun decesso correlato all’infezione. Alle sei di mattina di oggi, sono state somministrate oltre 39,8 milioni di dosi di vaccino (Pfizer-BioNTech in testa). Dalle 23 oggi in Liguria – dove in giornata è deceduta una ragazza di 18 anni ricoverata da domenica per una trombosi – l’ultima prenotazione per fascia d’età (19-23 anni), mentre in Trentino da lunedì le prenotazioni saranno aperte a tutte le fasce d’età e saranno messe a disposizione 20mila dosi di vaccini.

I dati

Sono 2.079 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 2.199) a fronte di 205.335 tamponi effettuati, determinando un tasso di positività dell’1.01%. E’ quanto riporta il bollettino del Ministero della Salute sulla diffusione del Coronavirus nel nostro Paese. I decessi sono stati 88 nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 77 registrati ieri.

I guariti sono 7.616 e gli attuali positivi scendono a 169.309 (5.626 in meno rispetto a ieri). I ricoverati nei reparti ordinari sono 4.153, 229 in meno rispetto a ieri. Le terapie intensive sono a 626 ricoverati (- 35 unità) con 30 nuovi ingressi. In isolamento domiciliare sono 164.530 persone. La regione con il maggior numero di casi è la Lombardia (352), seguita da Sicilia (284), e Campania (209).

Nessun decesso

Zero decessi in cinque Regioni. Rende noto la task force regionale della Basilicata, con il consueto bollettino, che non si registrano decessi. Casella dei decessi vuota per il terzo giorno consecutivo e per la sesta volta nel mese di giugno nelle Marche, riporta il terzo bollettino quotidiano del Servizio sanitario regionale. Nessun morto per Covid, oggi, in Piemonte, comunica l’Unità di crisi della Regione. Nessun decesso per il quarto giorno consecutivo in Trentino, fa sapere il bollettino dell’Azienda sanitaria. Nessun morto legato al Covid nemmeno in Valle d’Aosta, dove il numero dei decessi resta invariato a 472.

Campagna vaccinale

In Liguria dalle 23  di stasera online si attiva l’ultima fascia di prenotazione, quella tra i 19 e i 23 anni,  nella giornata di domani saranno possibili le prenotazioni ai cup e in farmacia. Ma proprio in Liguria, scrive LaPresse, è deceduta in ospedale la ragazza genovese di 18 anni ricoverata da domenica, dopo una trombosi del seno cavernoso. La giovane lo scorso 25 maggio aveva ricevuto una dose di Astrazeneca, aderendo alla possibilità di somministrazione volontaria del vaccino.

In Trentino “da lunedì prossimo, in tarda serata, sarà possibile prenotare le vaccinazioni contro il Covid per tutte le fasce d’età; metteremo a disposizione circa 20.000 prime dosi di Pfizer e Moderna”. Lo ha dichiarato il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. Riguardo alla campagna vaccinale, il governatore  ha precisato che in Trentino si è sempre lavorato sulla base dei vaccini presenti.

Le somministrazioni

Sono 39.891.977 i vaccini anti-Covid somministrati nel nostro Paese, l’88,1% delle dosi finora consegnate, pari a 45.278.289. Ne dettaglio, 30.628.552 di Pfizer-BioNTech, 8.993.380 di AstraZeneca, 4.096.657 di Moderna e 1.559.700 di Johnson & Johnson. Il 24,5% della popolazione, cioè 13.494.566 persone, ha completato il ciclo vaccinale, riferisce il bollettino elaborato da ministero della Salute, presidenza del Consiglio dei ministri e dal commissario straordinario al Covid-19, aggiornato alle 06:07 di oggi.

Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini di dosi somministrate la Lombardia con 6.924.722 (il 90,6% delle dosi ricevute), il Lazio con 3.902.403 (l’86,2%), la Campania con 3.872.154 (l’88,3%).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.