GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2019, 10:19, IN TERRIS

AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
L'

abito verde potrebbe nell'armadio di almeno una settimana. Nessuno dei presenti se la sarebbe sentita di indossarlo già da oggi, giovedì 19 settembre, in Consiglio dei ministri. Ognuno aveva il suo motivo da addurre, fossero i dubbi sulle coperture, il mancato coordinamento tra forze in campo o una maggiore cautela verso un'economia più ecologica. Degli ostacoli che ha subito incontrato la bozza del decreto legge del governo voluto dal ministro dell'Ambiente Sergio Costa, in quota Movimento 5 Stelle, ha scritto il quotidiano torinese La Stampa.


Programma ambizioso

Con il suo decreto "per il contrasto dei cambiamenti climatici e la promozione dell'economia verde", il ministro Costa ha messo sul piatto del governo un - citando De Gaullevaste programme. L'introduzione di crediti d'imposta, agevolazioni e bonus fiscali per chi vive in città che non hanno rispettato i limiti europei sull'inquinamento e rottama veicoli fino a Euro4, chi vende saponi o alimenti sfusi senza ricorrere a imballaggi di plastica, un servizio scuolabus a basse emissioni, un potenziamento della Valutazione d'impatto ambientale e soprattutto il taglio del 10% all'anno delle spese fiscali dannose per l'ambiente, fino all'azzeramento definitivo nel 2040. Misura, questa, che andrebbe a toccare gli sconti sui carburanti a chi lavori nei settori dell'autotrasporto e portuale. Tasti dolenti, che potrebbero scatenare un effetto gilets jaunes tra le categorie interessate, o una forte resistenza da parte di aziende nazionali e multinazionali interessato al trasporto su gomma.


Rapporti

La porzione di governo pentastellato e quella democratica sono concordi sul marciare uniti verso il "Green New Deal" che è uno degli orizzonti della nuova presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. E in un'intervista a La Repubblica di qualche settimana fa il neoministro dell'Economia e della finanze Roberto Gualtieri (Pd) aveva parlato della convergenze italiana al progetto comunitario. Ma quando si deve entrare in azione, cominciano i distinguo. Sempre secondo La Stampa, infatti, c'è il sospetto - nelle componente Pd - che il ministro abbia proposto in tempi così rapidi un decreto legge perché è alle porte il vertice delle Nazioni unite sul clima, che si terrà a New York il prossimo 23 settembre. Ma ci sarebbe anche uno scontro interno tra dicasteri. Per il quotidiano torinese, l'ala grillina dell'esecutivo critica al ministro di aver fatto da solo senza coordinarsi con i suoi colleghi. Appare in supporto di questa testi quanto scrive Il Sole 24 Ore. Per il giornale di Confindustria, il ministero per lo Sviluppo economico avrebbe fatto resistenza per il timore che gli venissero tolte alcune competenze. A questo si unisce anche la nuova stampella del governo giallorosso, il plotone di Italia viva di Matteo Renzi. L'ex presidente del Consiglio ai tempi aveva varato degli incentivi per il ricorso all'energia pulita e durante i suoi mille giorni l'Italia aveva raggiunto con anticipo quanto richiesto dall'Unione europea, ma al contempo è anche stato contrario al voto contro le trivelle al largo delle coste italiane. Resta quindi l'interrogativo sull'adesione al "Green New Deal" della nuova forza in campo, che non avrebbe mancato di sottolineare - riporta La Stampa - che toccare i sussidi potrebbe avere ripercussioni.


La manovra

C'è poi la legge di bilancio che dovrà essere pronta entro un mese e dovrà far quadrare i conti. L'obiettivo principale è disinnescare l'aumento dell'Iva per 23 miliardi, poi c'è un'altra manciata di miliardi per le spese cosiddette "indifferibili". Spetterebbe a chi scrive la manovra decidere quali di queste spese fiscali andrà ridotta del 10% dal 2020, per circa due miliardi di euro di taglio. Nel "Catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi" ci sono 160 voci, che valgono 19,3 miliardi di cui punta a tagliarne complessivamente 16,8 nel tempo. Le voci più "scottanti", visto che si parla di contrasto al cambiamento climatico e lotta all'inquinamento, sono quelle che riguardano i carburanti. L'accisa sul gasolio, che vale 1,2 miliardi e la differenza di prezzo tra questo e l benzina, che sfiora i cinque, in favore del primo. Secondo il Sole, tagliarle comporterebbe sia far lievitare i costi sulle spalle di alcune categorie di lavoratori che potrebbero esserne fortemente penalizzate sia far trovare al distributore lo stesso prezzo per benzina e gasolio, con aggravio per il consumatore.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I detriti provocati dalla tromba d'aria
LAURIA | POTENZA

Operata la ragazza investita da una tromba d'aria

La giovane è gravissima: era stata colpita dai detriti del tetto della palestra divelto dal vento
Banca popolare di Bari
GOVERNO

Popolare di Bari, scontro in maggioranza sul salvataggio

L'istituto bancario è stato commissariato da Bankitalia, il Cdm non trova l'accordo per il decreto...
SANITÀ

Il primo ospedale a misura di donna

Esordio a Milano della struttura "rosa" ispirata al Brigham and Women Hospital di Boston
CATANIA

Madre tenta di uccidere il figlio. La badante lo salva

Il giovane è un ventenne disabile. La donna gli ha fatto ingerire un flacone di sedativo
Dia
'NDRANGHETA

Decapitati i vertici di due cosche di Cosenza

Arrestato, in Francia, Domenico Stanganelli: era latitante dal 2014
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Bruxelles - Foto © Afp
IL PUNTO

Mutamenti parlamentari

Tre senatori del Movimento Cinque Stelle passano alla Lega, botta e risposta Salvini-Di Maio
La Knesset

Caos a Israele, il 2 marzo si torna alle urne

E' la terza volta in un anno che il Paese viene chiamato a votare
Un senza tetto dorme alla stazione
ROMA EST

Firmato accordo tra Inps e Comunità di Sant’Egidio

Al via un centro di integrazione per facilitare l’erogazione dei servizi di base alle fasce deboli
Neve in città
MALTEMPO

Allerta neve nel Nord Italia

Al Centro farà la sua comparsa sull'Appennino sopra i 1400 metri
Un sacerdote in ospedale
FEDE

Siglato il Manifesto interreligioso dei diritti nei percorsi di fine vita

Rappresenta un importante traguardo del dialogo interreligioso in ambito sanitario
Ugo Grassi

Quando l'eletto è sganciato dall'elettore

Dichiarazioni al vetriolo quelle rilasciate da Luigi Di Maio per l’approdo del Senatore Ugo Grassi alla Lega,...
Jeremy Corbyn
LO SCONFITTO

Corbyn, la caduta del leader ombra

I laburisti colano a picco e puntano il dito contro il loro presidente, accusato di troppe incertezze sul fronte Brexit