GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2019, 10:19, IN TERRIS


AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
L'

abito verde potrebbe nell'armadio di almeno una settimana. Nessuno dei presenti se la sarebbe sentita di indossarlo già da oggi, giovedì 19 settembre, in Consiglio dei ministri. Ognuno aveva il suo motivo da addurre, fossero i dubbi sulle coperture, il mancato coordinamento tra forze in campo o una maggiore cautela verso un'economia più ecologica. Degli ostacoli che ha subito incontrato la bozza del decreto legge del governo voluto dal ministro dell'Ambiente Sergio Costa, in quota Movimento 5 Stelle, ha scritto il quotidiano torinese La Stampa.


Programma ambizioso

Con il suo decreto "per il contrasto dei cambiamenti climatici e la promozione dell'economia verde", il ministro Costa ha messo sul piatto del governo un - citando De Gaullevaste programme. L'introduzione di crediti d'imposta, agevolazioni e bonus fiscali per chi vive in città che non hanno rispettato i limiti europei sull'inquinamento e rottama veicoli fino a Euro4, chi vende saponi o alimenti sfusi senza ricorrere a imballaggi di plastica, un servizio scuolabus a basse emissioni, un potenziamento della Valutazione d'impatto ambientale e soprattutto il taglio del 10% all'anno delle spese fiscali dannose per l'ambiente, fino all'azzeramento definitivo nel 2040. Misura, questa, che andrebbe a toccare gli sconti sui carburanti a chi lavori nei settori dell'autotrasporto e portuale. Tasti dolenti, che potrebbero scatenare un effetto gilets jaunes tra le categorie interessate, o una forte resistenza da parte di aziende nazionali e multinazionali interessato al trasporto su gomma.


Rapporti

La porzione di governo pentastellato e quella democratica sono concordi sul marciare uniti verso il "Green New Deal" che è uno degli orizzonti della nuova presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. E in un'intervista a La Repubblica di qualche settimana fa il neoministro dell'Economia e della finanze Roberto Gualtieri (Pd) aveva parlato della convergenze italiana al progetto comunitario. Ma quando si deve entrare in azione, cominciano i distinguo. Sempre secondo La Stampa, infatti, c'è il sospetto - nelle componente Pd - che il ministro abbia proposto in tempi così rapidi un decreto legge perché è alle porte il vertice delle Nazioni unite sul clima, che si terrà a New York il prossimo 23 settembre. Ma ci sarebbe anche uno scontro interno tra dicasteri. Per il quotidiano torinese, l'ala grillina dell'esecutivo critica al ministro di aver fatto da solo senza coordinarsi con i suoi colleghi. Appare in supporto di questa testi quanto scrive Il Sole 24 Ore. Per il giornale di Confindustria, il ministero per lo Sviluppo economico avrebbe fatto resistenza per il timore che gli venissero tolte alcune competenze. A questo si unisce anche la nuova stampella del governo giallorosso, il plotone di Italia viva di Matteo Renzi. L'ex presidente del Consiglio ai tempi aveva varato degli incentivi per il ricorso all'energia pulita e durante i suoi mille giorni l'Italia aveva raggiunto con anticipo quanto richiesto dall'Unione europea, ma al contempo è anche stato contrario al voto contro le trivelle al largo delle coste italiane. Resta quindi l'interrogativo sull'adesione al "Green New Deal" della nuova forza in campo, che non avrebbe mancato di sottolineare - riporta La Stampa - che toccare i sussidi potrebbe avere ripercussioni.


La manovra

C'è poi la legge di bilancio che dovrà essere pronta entro un mese e dovrà far quadrare i conti. L'obiettivo principale è disinnescare l'aumento dell'Iva per 23 miliardi, poi c'è un'altra manciata di miliardi per le spese cosiddette "indifferibili". Spetterebbe a chi scrive la manovra decidere quali di queste spese fiscali andrà ridotta del 10% dal 2020, per circa due miliardi di euro di taglio. Nel "Catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi" ci sono 160 voci, che valgono 19,3 miliardi di cui punta a tagliarne complessivamente 16,8 nel tempo. Le voci più "scottanti", visto che si parla di contrasto al cambiamento climatico e lotta all'inquinamento, sono quelle che riguardano i carburanti. L'accisa sul gasolio, che vale 1,2 miliardi e la differenza di prezzo tra questo e l benzina, che sfiora i cinque, in favore del primo. Secondo il Sole, tagliarle comporterebbe sia far lievitare i costi sulle spalle di alcune categorie di lavoratori che potrebbero esserne fortemente penalizzate sia far trovare al distributore lo stesso prezzo per benzina e gasolio, con aggravio per il consumatore.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca