Usa 2020, cancellato il duello del 15 ottobre fra Trump e Biden

Donald Trump torna davanti alle telecamere per la prima volta da quando è risultato positivo al coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

A soli cinque giorni dal confronto fra Donald Trump e Joe Biden, che organizza i dibattiti presidenziali, ha deciso di annullare il duello del 15 ottobre. A riportare la notizia è il Wall Street Journal che cita alcune fonti. La commissione aveva deciso di cambiare il format del duello in virtuale dopo che il presidente era risultato positivo al coronavirus. Ma Trump si era opposto e aveva annunciato che non avrebbe partecipato al dibattito virtuale, definendolo una perdita di tempo.

Non due, ma tre dibattiti

La commissione ha invece confermato “il dibattito presidenziale finale in calendario il 22 ottobre”, in programma alla Belmont University di Nashville, in Tennessee. La campagna di Donald Trump propone però un’altra soluzione: “Non ci sono ragioni per non avere tre dibattiti come ci eravamo accordati originariamente. Noi abbiamo proposto il 22 e il 29 ottobre. E’ il momento che la commissione la smetta di proteggere Joe Biden”. Tra le ipotesi, “un dibattito uno a uno senza le interferenze della commissione”.

Le condizioni di salute di Trump

Nel frattempo, in un’intervista a Tucker Carlson su Fox, ha dato un aggiornamento sul suo stato di salute e di quello della first lady. Trump ha dichiarato di non aver preso medicine nelle ultime ore. “Ho tollerato gli steroidi molto bene. Ora non prendo nulla, vediamo come va. Donerò il mio plasma se me lo consentiranno”. L’intervista a Carlson è la prima davanti alle telecamere da quando il presidente è risultato positivo al coronavirus.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.