Sale vertiginosamente la curva dei contagi in Italia: 24.911. Morti 205. 198.952 tamponi

Situazione critica a Latina: tolti i banchi della cappella del Goretti per aumentare i posti letto.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:35
Fonte: MINISTERO DELLA SALUTE

In Italia, oggi,  il numero dei contagi registrati è pari a 24.911. Gli attualmente positivi sono 236.684.  Il numero delle vittime è in totale 37.905 (205 in più rispetto a ieri). I casi totali sono 589.766. Il totale dei dimessi guariti è 275.404.  I ricoverati in terapia intensiva sono 1.536. Le persone in isolamento domiciliare sono 259.940. I pazienti ricoverati con sintomi ammontano a 14.981. Il totale dei casi testati è pari a 9.197.638. I tamponi effettuati oggi sono 198.952, per un totale di 15.152.038.

La situazione regionale

La regione in testa alla classifica per maggior numero di positivi registrati è la Lombardia con 7.558 casi. Seguono il Piemonte 2.827, la Campania 2.427, il Veneto 2.143 e il Lazio 1.963.La regione con il minor numero di positivi è il Molise con 19 casi.

Latina: tolti i banchi dalla cappella dell’Ospedale per far posto ai letti

I pazienti Covid stanno aumentando e così l’Asl di Latina decide di togliere i banchi dalla Cappella all’ingresso dell’Ospedale Santa Maria Goretti per avere 8 posti letto in più per il Covid. All’Adnkronos Salute Giorgio Casati, direttore generale dell’Asl di Latina rende noto: “E’ previsto dal piano di emergenza, entro questa sera avremo anche altri 17 posti letto in Medicina”.  Poi avverte con tono preoccupato:” Stiamo gestendo queste operazioni con grande energia, la situazione nella provincia di Latina è da allarme arancione molto scuro. Oggi abbiamo 144 positivi nel territorio dell’Asl. Se i numeri crescono ancora, tra una settimana saremo in difficoltà. Anche perché il 10% di chi è positivo arriva al pronto soccorso e dobbiamo dare una risposta a queste persone”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.