Nuova pena di morte in Usa, è la prima di un nero nell’era Trump

E' la prima esecuzione capitale federale di un detenuto afroamericano dopo che la pena è stata ripristinata dall'amministrazione Trump

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:16
Christopher Vialva e la coppia vittima dell'omicidio nel 1999

Il detenuto afroamericano Christopher Vialva, 40 anni, è stato ucciso con una iniezione letale in una prigione governativa a Terre Haute, Indiana. E’ stato dichiarato morto alle 18:42 di giovedì 24 settembre, ora locale, nella prigione federale di Terre Haute, nell’Indiana.

Duplice omicidio

Vialva era stato condannato per un duplice omicidio commesso nel 1999, quando aveva 19 anni. In quella occasione, lui e il gruppetto di teenager rubò un’auto a Fort Hood, in Texas, sparando alla coppia a bordo, Todd e Stacie Bagley. I loro corpi furono bruciati nel bagagliaio della vettura da un complice, anch’egli condannato alla pena capitale.

Le parole finali

Nella dichiarazione video rilasciata ai suoi avvocati giovedì, Vialva ha espresso rammarico per quello che aveva fatto e ha detto di essere un uomo cambiato.

“Ho commesso un grave torto quando ero un bambino smarrito e ho tolto due vite preziose da questo mondo”, ha detto. “Ogni giorno, vorrei poter rimediare a questo torto”.

Trump

Questa di Vialva è la settima esecuzione federale da luglio e la seconda questa settimana. Rappresenta però la prima esecuzione capitale federale di un detenuto afroamericano dopo che la pena è stata ripristinata dall’amministrazione Trump. I primi cinque condannati erano bianchi, mentre il sesto era un nativo Navajo.

Dei 56 detenuti attualmente nel braccio della morte federale, 26 – quasi il 50% – sono neri, secondo i dati del centro aggiornati mercoledì; 22, quasi il 40%, sono bianchi e 7, circa il 12%, sono latini. Infine, c’è un solo asiatico. I neri costituiscono il 13% circa della popolazione statunitense.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.