Gli Usa escono dall’Oms: è bagarre tra Trump, Biden e Ghebreyesus

E' ufficiale: gli Stati Uniti usciranno dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) il 6 luglio 2021. Lo ha confermato il presidente Usa Donald Trump

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:39
oms
La sede dell'Oms a Ginevra

E’ ufficiale: gli Stati Uniti usciranno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) il 6 luglio 2021. Lo ha confermato – dopo giorni di discussioni – il presidente Usa Donald Trump con la notifica formale al Congresso americano e al Segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres. Trump accusa l’organizzazione fondata nel 1948 di inefficienza e di appiattimento sulle posizioni della Cina durante la pandemia di Covid-19. Un portavoce di Guterres ha confermato il preavviso americano.

Una vecchia querelle

La querelle tra l’amministrazione Trump e l’Oms va avanti da mesi. Trump sostiene che l’Oms abbia ignorato i primi segnali di trasmissione da uomo a uomo in Cina, non difendendo gli interessi degli Stati Uniti. Gli Usa sono il primo Paese al mondo per numero di contagi e di morti nel mondo. Il solo Stato di New York ha da solo, secondo i dati della Johns Hopkins University, ben 32.242 morti. Il capo dell’Oms Tedros Ghebreyesus ha detto che “L’unità nazionale e la solidarietà globale sono più importanti che mai per sconfiggere un nemico comune”. Lo scorso maggio, Trump aveva detto che la Cina aveva esercitato un “controllo totale” sull’Oms. Inoltre, ha aggiunto che gli Usa orienteranno i finanziamenti “verso altre esigenze mondiali e meritevoli“.

Le reazioni dell’Oms

“Tutti i leader mondiali, tutte le nazioni devono lavorare insieme per far fronte a questo virus. Avere gli Stati Uniti in fuga non è ciò di cui le persone hanno bisogno.” Lo ha rimarcato il dottor David Nabarro, inviato speciale dell’Oms per l’emergenza Covid-19 ad un programma radiofonico della Bbc. “Il mondo sta affrontando una grave crisi sanitaria, è stato estremamente male negli ultimi sei mesi e temo che peggiorerà molto nei prossimi sei mesi”, ha aggiunto. “Abbiamo ancora molto da scoprire su questo virus e su come affrontarlo ed appare davvero spiacevole che il Paese più importante, in termini di dimensioni del budget dell’Oms, abbia deciso di ritirarsi”. Nabarro si è detto sicuro che la maggior parte degli americani “voglia far parte della risposta globale al coronavirus e che siano quindi un po’ confusi del perché questo sia successo”.

Biden vince le primarie in New Jersey e Delaware

Nonostante la pandemia, proseguono le votazioni per le primarie in vari Stati americani. Joe Biden, candidato democratico alla Casa Bianca, ha vinto quelle in New Jersey con l’88,5% delle preferenze su Bernie Sanders. Nel “suo” Delaware – sulla East Coast – stravince col 90,4% delle preferenze. Biden ha infatti rappresentato il Delaware in senato per ben 36 anni in Senato. Subito dopo la duplice vittoria, Biden ha commentato la scelta di Trump. “Una decisione – ha detto – che ribalterò come prima cosa se sarò eletto come nuovo presidente degli Stati Uniti”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.