Fratelli La Monaca uccisi nel nisseno: arrestato un pastore di 22 anni

Svolta nelle indagini sul duplice omicidio dei fratelli Filippo e Calogero La Monaca i cui cadaveri furono trovati il 14 giugno scorso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:08
L'auto delle vittime parzialmente bruciata

Svolta nelle indagini sul duplice omicidio dei fratelli Filippo e Calogero La Monaca, rispettivamente di 74 e 76 anni, originari di Canicattì, i cui cadaveri furono trovati nelle campagne di contrada Deliella – un paese della provincia di Caltanissetta -il 14 giugno scorso.

La scoperta dei corpi

La scoperta era stata fatta nei pressi di un cascinale in contrada Deliella: il corpo parzialmente carbonizzato di una delle due vittime era sotto un’auto. L’altro cadavere giaceva all’interno del casolare: aveva la testa fracassata. A poca distanza dai due corpi erano state trovate alcune pietre sporche di sangue, verosimilmente utilizzate per compiere il duplice omicidio. Sui corpi non sono infatti state trovate ferite d’arma bianca o da fuoco.

Presunto omicida

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Caltanissetta hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto emesso dalla locale Procura un pastore rumeno di 22 anni, Florin Scurtu, incensurato. Il Gip di Caltanissetta ha convalidato il fermo disponendo per l’indagato la custodia cautelare in carcere.

Il movente del delitto sarebbe legato al fatto che il presunto assassino faceva pascolare gli animali sui terreni delle vittime nonostante il loro divieto alimentando continui scontri con i due imprenditori agricoli.

Mafia

Gli inquirenti hanno dunque escluso che quella dei La Monaca potesse essere stata un’esecuzione di stampo mafioso, com’era accaduto per il fratello Antonio ucciso nel 1990 all’inizio della guerra fra “cosa nostra” e “stidda” per l’egemonia sul territorio.

Fratelli noti

La famiglia La Monaca è molto nota a Canicattì: Calogero è stato anche assessore comunale, una ventina d’anni fa. Due sorelle delle vittime gestiscono una gioielleria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.