Trump svela per sbaglio un accordo segreto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Gaffe di Donald Trump che ha rivelato per sbaglio il contenuto dell'accordo col Messico sui migranti, sinora segreto. Messo sotto pressione dai giornalisti, il presidente Usa ha sventolato i fogli del documento davanti ai reporter, permettendo a un fotografo di catturarne le immagini.

Lo scatto

Il fatto è avvenuto dopo che Trump ha twittato che “la parte maggiore dell'accordo con il Messico non è stato ancora rivelato“. E ai giornalisti che gli chiedevano maggiori dettagli dell'accordo, il presidente ha affermato che questo “entrerà in vigore quando lo vorrò io”. Secondo un ingrandimento della foto del documento, twittata da un fotografo del Washington Post, sembra che Trump si riferisse al fatto che il Messico potrebbe essere costretto a cambiare le sue leggi sull'immigrazione se gli Stati Uniti “a loro discrezione” stabiliranno, dopo 45 giorni dall'annuncio dell'accordo, “che non sono stati raggiunti risultati sufficienti per contrastare il flusso dei migranti”.

Il documento

“Questa è una pagina – ha detto ancora Trump- una pagina di un accordo molto lungo e molto buono sia per il Messico che per gli Stati Uniti. Senza i dazi non avremmo ottenuto nulla”. A quanto pare l'accordo prevede che il Messico riveda le sue leggi in modo da essere identificato come “Paese sicuro“. Sarebbe così possibile esaminare le richieste di asilo in questo Stato invece che negli Usa. C'è anche un riferimento ad un piano regionale per le richieste di asilo che dovrebbe coinvolgere diversi Paesi.

La versione del tycoon

Trump invece continua a proclamare la vittoria ottenuta solo grazie alla sua minaccia di dazi, affermando anche che l'accordo costringerà il Messico ad acquistare maggiori quantità di prodotti agricoli Usa. Una parte dell'accordo che i messicani non hanno confermato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.