Trump si complimenta con Conte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:15

Fantastico!”. Così Donald Trump, in un'intervista a Fox News, ha definito il pri italiano Giuseppe Conte. “Sembra che essere duri sull'immigrazione ora paghi”, la sua riflessione. “A proposito – ha aggiunto – i democratici sono molto deboli sull'immigrazione“.

Buoni rapporti

Conte e Trump si erano incontrati lo scorso fine settimana in Canada, in occasione del G7. A seguito dell'incontro, il presidente Usa aveva scritto su Twitter: “Ho appena incontrato il nuovo primo ministro italiano, Giuseppe Conte. Ottima persona”. E ancora: “Farà un grande lavoro – gli italiani hanno scelto bene!”.

Corea

L'intervista è stata anche l'occasione per fare il punto dopo lo storico incontro con Kim Jong-un a Singapore, che Trump considera il suo capolavoro sul fronte della politica estera. “Abbiamo firmato un accordo in cui abbiamo ottenuto tutto” ha spiegato. Il regime coreano, ha aggiunto, “ha già iniziato a restituire i resti dei soldati americani caduti nella guerra di Corea“. Conflitto che, secondo il tycoon, avrebbe potuto riproporsi visto che “Obama era essenzialmente pronto ad andare alla guerra con la Corea del Nord”. Trump ha annunciato che domenica chiamerà al telefono Kim, al quale – ha aggiunto poco dopo parlando con i giornalisti – “ho dato il mio numero diretto. Ora abbiamo un ottimo rapporto con la Corea del Nord. Stiamo lavorando a una denuclearizzazione più veloce possibile”. Le prove di forza, insomma, per Trump pagano. Lo dimostrerebbe quello che è avvenuto durante la guerra civile in Ucraina. “Obama – ha spiegato – ha perso la Crimea perché Putin non rispettava il presidente Obama. Non rispettava né il nostro Paese, né l'Ucraina”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.