PRESIDENZIALI POLONIA: IN 30 MILIONI AL VOTO PER IL BALLOTTAGGIO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:05

Trenta milioni di cittadini polacchi si stanno recando alle urne per il ballottaggio delle elezioni presidenziali che vede fronteggiarsi il capo dello Stato uscente Bronislaw Komorowski, un liberal-conservatore europeista, e l’ultraconservatore nazionalista ed euroscettico Andrzej Duda. Il voto politicamente assume il carattere di un vero e proprio referendum tra un’integrazione crescente nell’Ue e un allontanamento nel nome di interessi nazionali, anche in vista delle politiche di ottobre.

Il 63enne Komorowski è sostenuto dal partito liberale di centro Piattaforma civica (Po) che governa dal 2007 mentre il 43enne Duda, un avvocato, milita nel partito di destra Diritto e giustizia (Pis) dell’ex premier Jaroslaw Kaczynski. Duda riparte dal vantaggio del primo turno del 10 maggio, quando era stato il più votato con il 34,76%, e gode del sostegno della Chiesa e degli ambienti clericali più conservatori.

Tra i suo cavalli di battaglia c’è anche il no all’ingresso nell’euro. Komorowski, di poco staccato con il 33,77%, è dato leggermente avanti dai sondaggi dopo la buona prova nei duelli in tv. Il presidente uscente promesso liberta’ di coscienza e diritti uguali per tutti i cittadini, con un’ “amichevole autonomia” nei rapporti Stato-Chiesa. Potrebbe essere decisivo accaparrarsi almeno una parte di quel 20,8% di elettori giovani o scontenti che al primo turno hanno votato il cantante rock Pawel Kukiz.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.