Nigeria. Donne kamikaze in azione: almeno 27 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:58

Ancora sangue scorre in Nigeria. A Mandarari, nel nord-est del Paese, tre donne hanno compiuto due attentati suicida uccidendo ventisette persone in totale e ferendone ottantatré. È accaduto nella giornata di ieri, 15 agosto.

Una prima attentatrice si è fatta esplodere nel mercato del paese, che si trova a 25 chilometri dalla città di Maiduguri (fino a pochi mesi fa roccaforte di Boko Haram), le altre due in un vicino campo profughi.

La matrice di Boko Haram

L’attacco non è stato rivendicato, ma l’indice è puntato verso Boko Haram: le autorità presumono che le tre attentatrici siano state rapite dall’organizzazione islamista proprio per far loro compiere azioni da kamikaze.

Nigeria preda del terrorismo

Sono circa 2,7 milioni le persone che negli ultimi venti anni in Nigeria hanno dovuto abbandonare le proprie cause per via delle violenze compiute da Boko Haram e degli scontri tra l’organizzazione terroristica e l’esercito nigeriano. Nel 2016 gli islamisti erano stati molto indeboliti, ma dallo scorso giugno è iniziata una nuova serie di attacchi in cui sono morte 143 persone prima degli attentati di ieri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.