Michael come una “bomba atomica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:26

E' come se una bomba atomica avesse colpito la nostra città”. Un residente del Panama City News Herald descrive così la potenza dell'uragano Michael, una delle tempeste più potenti che abbiano mai colpito gli Stati Uniti. Basti pensare che mercoledì, quando Michael ha toccato il suolo americano, era ancora di categoria 4, con venti a 250 chilometri orari

Bilancio

Sinora le vittime, secondo la Reuters, sono state 7 fra cui una bambina di 11 anni uccisa dal crollo di una tettoia della sua casa a Seminole, in Georgia. Per le autorità, tuttavia, il bilancio è destinato ad aggravarsi. I danni alle cose sono immensi, con intere cittadine della costa del Florida Panhandle rase al suolo dalla furia della natura. 

Danni enormi

Le immagini televisive e quelle postate sui social media mostrano case distrutte, barche ammassate come detriti, alberi caduti e tralicci elettrici a pezzi. Oltre un milione di residenti sono rimasti senza elettricità in Florida, Georgia, Virginia, Carolina del Nord e del Sud, secondo poweroutages.usMexico Beach, cittadina di mille abitanti dove Michael ha toccato terra, è stata completamente distrutta, ha osservato Brock Long, il capo della protezione civile Usa, la Fema.

Come Ground zero

Un reporter della Cnn che faceva riprese con l'elicottero ha detto che sembrava “Ground zero“, come a New York, quando sono crollate le Torri Gemelle. “L'uragano è stato un vero mostro, molte vite sono state cambiate in modo permanente”, ha dichiarato il governatore della Florida, Rick Scott. “In molti hanno perso la casa, l'azienda. Strade e infrastrutture sono state distrutte”, ha affermato Scott. A Panama City sono stati evacuati anche due ospedali. Il presidente Donald Trump ha approvato i fondi di emergenza dichiarandosi pronto a fare il possibile per aiutare le vittime dell'uragano.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.