Rubavano auto di lusso per poi ricettarle: 15 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23

Sgominata la banda del furto delle auto di lusso. I carabinieri di Ascoli Piceno hanno eseguito 15 misure cautelari – cinque custodie in carcere, a carico di soggetti originari del Foggiano, e dieci obblighi di dimora – nei confronti di quindici persone (quattordici italiani originari del foggiano e un romeno), ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione per delinquere finalizzata ai furti di autovetture ed alla ricettazione di parti di esse e concorso in furto e tentato furto aggravato e continuato di autovetture. L'operazione, in corso tra Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), Cerignola (Foggia) e Vasto (Chieti), è scattata sulla base di un'ordinanza del gip presso il Tribunale di Ascoli chiesta dalla locale Procura. 

L'indagine

L’indagine ha preso inizio nel novembre 2017 allorquando nella provincia di Ascoli Piceno vennero registrati numerosi furti di autovetture, caratterizzati da un medesimo “modus operandi”: nel mirino dei ladri, infatti, c’erano sempre autovetture seminuove e di pregio, che venivano rubate sempre nelle ore notturne tramite l’utilizzazione di ‘centraline riprogrammate’, scelte in base all’azienda produttrice dell’autovettura. I mezzi venivano poi portati a Cerignola, dove ricettarne i componenti. I colpi sono stati messi a segno nel corso dell'ultimo anno lungo tutta la costiera adriatica da Rimini a Taranto. Recuperate anche 4 delle autovetture rubate.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.