Indonesia, aereo di linea malesiano scomparso dai radar

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06

Un Airbus A320 della compagnia aerea low cost malese AirAsia è scomparso con 162 persone a bordo mentre era in volo fra l’Indonesia a Singapore. Lo hanno reso noto le autorità locali e la stessa compagnia aerea. Il portavoce del Ministero indonesiano dei Trasporti, J.A. Barata, ha dichiarato in conferenza stampa che “Giacarta ha perso il contatto con il volo AirAsia fra Surabaya e Singapore alle 7:55”, l’1:55 in Italia, mentre l’apparecchio si trovava nello spazio aereo indonesiano “a 200 miglia nautiche – circa 350 km – a sudest della frontiera fra le zone di volo di Giacarta e Singapore”.

Il velivolo A320-200 trasportava 7 membri d’equipaggio e 155 passeggeri, tra i quali 16 bambini e 1 neonato, ha precisato il direttore generale dell’aviazione civile indonesiana, Djoko Murjatmodjo. Il volo QZ8501 ha lasciato l’aeroporto internazionale Juanda di Surabaya, sull’isola indonesiana di Giava, alle 5:20 ora locale (le 23:20 in Italia) e doveva atterrare all’aeroporto Changi di Singapore alle 8:30 locali (le 2:30 italiane). Il pilota dell’Airbus 320 aveva chiesto di “deviare” dal suo piano di volo a causa delle cattive condizioni del tempo. Ma, arrivato nello sazio aereo indonesiano, se ne sono perse le tracce.

AirAsia ha lanciato un’operazione di ricerca per cercare di localizzare l’aereo. “Per il momento non abbiamo purtroppo altre informazioni sulla situazione dei passeggeri e dei membri dell’equipaggio a bordo”, ha riferito la compagnia. Le autorità locali hanno spiegato che le operazioni sono partite dal centro di ricerche e soccorso dell’isola di Bangka (Indonesia), nel Mar di Giava. Con il sopraggiungere della notte le ricerche sono state sospese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.