Fallito blitz nello Yemen, catturato vivo un Navy Seals americano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:03

Un fallimento totale. Il raid dei Navy Seals nello Yemen e stato un vero disastro. Nonostante i droni e l’utilizzo del corpo d’elite l’operazione contro il covo di Al Qaeda della Penisola Araba è finita con la morte dei due ostaggi, uno americano e l’altro sudafricano, e con la perdita sul terreno di alcuni membri del Seals. Uno di loro è stato persino catturato vivo. Un ostaggio di alto valore per i qaedisti. E ora il presidente Usa dovrà autorizzare un’altra missione nello Yemen. Non fosse altro per rispetto ai Seals che tra i loro principi assoluti c è quello “non lasciare nessuno dietro”.

Il recupero del Seal sarà quindi imperativo per l’amministrazione Obama. Certo è che tutta l’operazione nello Yemen è stata pianificata male. Il numero dei terroristi e del loro armamento non era conosciuto dall’intelligence americana. o meglio le notizie erano parziali. Questa è la seconda missione fallita in quella regione. Nell’ottobre 2013 i Seals tentarono la cattura di un capo degli Shebab in Somalia ma vennero respinti sulla spiaggia di Barawe. Anche allora le informazioni sulla consistenza delle forze nemiche si rivelarono imprecise.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.