Esplode pompa di benzina, tragedia ad Accra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:51

Tragedia a Legon, un sobborgo della capitale del Ghana Accra. Un vero e proprio inferno di fuoco è stato innescato dall'esplosione di una cisterna nei pressi di una stazione di rifornimento di carburanti. Almeno tre persone sono morte e 40 rimaste ferite, tra queste almeno quattro versano in condizioni critiche. Una ventina le auto bruciate a causa del rogo.

Una palla di fuoco

L'esplosione è avvenuta intorno alle 19.30 di sabato sera ed ha provocato un'alta colonna di fuoco che ha illuminato a giorno il cielo della capitale. Le fiamme sono divampate nella stazione di gas naturale della GOIL (Ghana Oil); il fuoco ha subito raggiunto la antistante stazione di benzina della Total, in un incrocio chiamato Atomic Junction nel quartiere Madina a nord-est della capitale del Ghana, provocando una seconda esplosione. Video e foto postati sui social mostrano la gigantesca palla di fuoco levarsi verso il cielo e illuminare a giorno un'area densamente abitata. Fra East Legon e Madina, dove è avvenuta la duplice esplosione, vivono anche molti studenti che frequentano la vicina University of Ghana e una grande scuola secondaria, la Presbyterian Boys Secondary School. Secondo quanto riferito da testimoni oculari molti abitanti della zona sono fuggiti e hanno lasciato le loro case. Una vittima, secondo quanto riferito dalla polizia, sarebbe caduta da un ponte pedonale al momento dell'esplosione. L'area interessata dalla duplice esplosione è anche rimasta al buio per un breve periodo di tempo. Ambulanze e vigili del fuoco si sono riversati nel luogo dell'esplosione e l'intera area è stata chiusa al traffico.

I precedenti

Il Ghana non è nuovo a tragedie simili: per una esplosione in una stazione di servizio nel 2015 i morti furono circa 150. Un'altra avvenuta nella cittadina ghanese di Takoradi provocò la morte di 6 pompieri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.