Deputata yazida: “3.500 donne rapite dai terroristi dello Stato Islamico”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Vian Dakhil, la deputata irachena che dopo le sue denunce davanti alle telecamere è diventata il simbolo e la voce della minoranza yazida ha lanciato l’allarme che sono 3.500 le donne yazide rapite dall’Isis e oltre 2.000 quelle uccise dall’inizio dell’offensiva dei miliziani.

Dakhil ancora cammina con le stampelle dopo l’incidente a bordo dell’elicottero su cui viaggiava per portare aiuto ai profughi nella regione di Sinjar. Ieri ha incontrato a Erbil il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

La deputata ha detto: “La mia speranza è che al più presto sia creato uno stato curdo di cui gli yazidi facciano parte”. La minoranza yazida non si sente rappresentata dall’esecutivo di Baghdad. “Il mio sogno – conclde – è un Iraq diviso in tre regioni: curda, sciita e sunnita”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.