A Natale vince la tradizione, per il cenone spesi 109 euro a famiglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Nove italiani su dieci hanno festeggiato il Natale a casa, spendendo – in media – 109 euro a famiglia per imbandire le tavola. E’ quanto rileva un’indagine di Coldiretti secondo cui l’87% degli italiani ha consumato a casa propria o con parenti o amici, l’8% è andato al ristorante, mentre il 3% ha preferito gli agriturismi. Vince, insomma, la tradizione con una “forte riscoperta dei piatti del passato che si esprime anche attraverso la preparazione casalinga delle ricette con una media di 3,5 ore trascorse in cucina”. Nel dettaglio, sottolinea la Coldiretti, la spesa è sotto i 50 euro per il 18% delle famiglie che resta a casa, tra i 50 ed i 100 euro per il 43% delle famiglie e tra i 100 ed i 200 euro per il 27% mentre solo una minoranza spende di più. Secondo l’indagine il 69% degli italiani responsabili della preparazione dei pasti ha portato in tavola prodotti Made in Italy, il 27% addirittura locali o a chilometri zero e il 10% prodotti biologici.

Insieme a spumante e panettoni, presenti praticamente ovunque, tra i prodotti regionali più gettonati, conclude la Coldiretti, ci sono il panone di Natale in Emilia Romagna, u piccilatiedd in Basilicata, il panpepato in Umbria, la pizza di Franz nel Molise, lu rintrocilio in Abruzzo, le pabassinas con sa sapa in Sardegna, la carbonata con polenta in Valle D’Aosta, il pangiallo nel Lazio, le carteddate in Puglia, i canederli in Trentino, la brovada e muset con polenta in Friuli, i quazunìelli in Calabria, il pandolce in Liguria, la pizza de Natà nelle Marche, i buccellati in Sicilia, il brodo di cappone in tazza in Toscana e l’insalata di rinforzo in Campania.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.