Black-out a New York, città in tilt per cinque ore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:13

Una situazione simile non si vedeva da tempo a New York: alle 19 di sabato, improvvisamente gran parte della Grande Mela è piombata nel buio, proprio quando lo spettacolo del Manhattanhenge era nel pieno della sua bellezza. La poca luce del tramonto non è servita, o almeno è durata troppo poco: da Manhattan a tutta la zona di Midtown, New York si è trovata senza corrente elettrica, un black-out che ha mandato in tilt il traffico e la rete sotterranea della metropolitana, situazione che si è prolungata per cinque lunghe ore prima che il guasto venisse riparato. Il problema si è verificato nella stazione elettrica della West 49thh Street, da dove è gestita tutta la rete elettrica della città: un disagio circoscritto ma che ha toccato comunque larga parte del Midtown, in particolare proprio l'area di Manhattan, finita completamente nell'oscurità, con almeno 72 mila newyorkesi rimasti senza luce.

Il precedente

Per alcune ore, dunque, la tipica festa di luci del centro di New York ha improvvisamente cessato di scaldare il cuore pulsante della città. Da Times Square a Broadway, fino al Lincoln Center e al Columbus Circle: tutto nel buio, con negozi e teatri chiusi e gente in strada a far luce con i propri telefoni, illuminando anche qualche attore che ha deciso di proseguire il proprio spettacolo all'aria aperta. Inevitabili alcuni disagi, non solo quelli dovuti allo stop dei treni elettrici delle metro: molte persone sono rimaste infatti chiuse negli ascensori e i Vigili del fuoco hanno dovuto effettuare molti interventi per tirarle fuori, mentre gli ingorghi sono stati la normalità per tutte le cinque ore di oscurità, con alcuni cittadini che hanno aiutato i vigili urbani a sciogliere le code più problematiche. A insegne spente, le attività commerciali hanno deciso di chiudere in fretta i battenti anche perché, per un'incredibile coincidenza, il black-out di New York si è verificato nello stesso giorno del suo tristemente illustre predecessore del 1977, il più grave per la Grande Mela, durante il quale, con la città al buio per 25 ore, il fenomeno della criminalità di strada esplose nella sua massima violenza, con interi quartieri vittime di veri e propri saccheggi.

Niente di tutto questo stavolta. La situazione è tornata alla normalità in poche ore, lasciando solo qualche strascico di disagio e il ricordo della luce del Manhattanhenge come l'unica a illuminare quella parte di città. Ora si cerca di capire se il guasto sia stato isolato o se il lavoro da fare sia più ampio e debba toccare livelli di prevenzione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.