Birmania: attacco dei ribelli nel nord, uccisi 7 soldati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Sono morti 7 soldati birmani e altri 20 sono rimasti feriti in un attacco ad opera di un gruppo ribelle lo scorso 10 dicembre nello stato Shan, nel nord del Paese. Secondo il quotidiano “Global New Light of Myanmar”, l’imboscata dei ribelli Kokang contro i militari è avvenuta nel distretto di Kunlong, vicino al confine con la Cina, “mentre il governo è impegnato a mettere in pratica il processo di pace e l’esercito è determinato a contrastare gli attacchi in cooperazione con la popolazione locale”.

Si calcola che le milizie Kokang contino 3 mila militanti, in una zona strategica lungo la tratta del commercio con la Cina e dove sorgono diversi impianti idroelettrici. Negli ultimi anni il gruppo non è stato impegnato in battaglie con l’esercito, dopo il cessate il fuoco firmato nel 2007. La milizia è però alleata con altri gruppi ribelli tra cui quelli Kachin, che nel nord del paese continuano a opporsi con le armi al tentativo di controllo del territorio da parte dei militari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.