Assange: no all'estradizione negli Usa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:01

Julian Assange è tornato a esprimere la sua contrarietà alla richiesta di estradizione avanzata dagli Stati Uniti per presunta “complicità in pirateria informatica“.

Contrario

“Io non intendo accettare l'estradizione per attività di giornalismo grazie alla quale sono stati risolti molti premi e sono state protette molte persone”, ha detto il 47enne fondatore di Wikileaks alla Westminster Magistrates Court di Londra in una breve collegamento video dalla prigione di Belmarsh.

In carcere

Assange è detenuto da quando la polizia lo ha prelevato dall'ambasciata ecuadoriana a Londra l'11 aprile scorso, dopo la revoca da parte dell'Ecuador della concessione dell'asilo. Ieri è stato condannato a quasi un anno di carcere, 50 settimane, per aver violato la libertà su cauzione nel 2012, quando si rifugiò nell'ambasciata per evitare l'estradizione in Svezia, dove era accusato di stupro e violenza sessuale. Accuse che sono state successivamente archiviate.

Iter lungo

La procedura sull'estradizione potrebbe trascinarsi per molti mesi fra sentenze di vario grado, ricorsi e parere finale del governo britannico. Il procedimento è stato aggiornato al 30 maggio, seguita dall'inizio programmato della completa estradizione il 12 giugno.

Proteste

Proteste a sostegno di Assange sono previste a Londra, Berlino e Parigi in concomitanza con l'inizio dell'udienza. Tra queste un evento “Siamo tutti Julian Assange” alla Porta di Brandeburgo nel centro di Berlino. Dal canto suo, il sito web di Wikileaks ha dichiarato che la condanna di Assange per aver infranto le condizioni della cauzione nel 2012 è “tanto scioccante quanto vendicativa“. “Abbiamo seri dubbi che riceverà un'udienza equa nel Regno Unito”, ha twittato l'organizzazione.

Wikileaks

Il 28 novembre 2010 Wikileaks ha reso di pubblico dominio oltre 251.000 documenti diplomatici statunitensi, molti dei quali etichettati come “confidenziali” o “segreti“. Il giorno seguente, il general attorney dell'Australia, Robert McClelland, ha dichiarato alla stampa che l'Australia (la patria di Assange ndr) avrebbe indagato sulle attività di Assange e della piattaforma. Ha affermato inoltre che, dal “punto di vista dell'Australia, ci potrebbe essere un buon numero di leggi violate con il rilascio di queste informazioni. La polizia federale australiana lo sta verificando”. McClelland non aveva poi escluso la possibilità del ritiro del passaporto australiano dell'informatico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.