La Gioconda era cinese: il web si scatena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:47
Gioconda

A solleticare la curiosità degli appassionati di arte oggi ci pensa Angelo Paratico, un ricercatore e storico italiano residente a Hong Kong che, dopo anni di studi approfonditi ha affermato che la Monna Lisa sarebbe stata una schiava cinese. La teoria è sicuramente audace e sta facendo impazzire il web. Lo studioso ha dichiarato di aver impiegato due anni per garantire alla sua teoria un valido supporto di documentazioni e ricerche che confermino l’idea secondo cui la mamma di Leonardo, che ha ispirato il celebre ritratto, fosse una donna di origine orientali. Le informazioni raccolte nel suo libro, analizzano gli stretti legami tra Cina e Italia negli ultimi cinquecento anni e raccontano la storia di una schiava cinese che avrebbe dato alla luce uno dei più famosi pittori in tutto il mondo.

Verrebbero così ribaltate le teorie del Pinna che fin’ora riconosceva nei tratti della donna una contadina toscana. L’originale scoperta afferma quindi che dietro il pennello di Leonardo ci fosse una schiava orientale a servizio da un ricco cliente del notaio Da Vinci. Le ricerce dello storico avrebbero infatti individuato, prima della nascita dell’artista nel 1452, alcune carte legali del padre in cui figurava la donna. La giovane dopo aver dato alla luce il bambino sarebbe misteriosamente scomparsa senza lasciare alcuna traccia. A conferma di ciò Paratico riporta alcuni indizi: durante il Rinascimento era molto comune sia in Spagna che in Italia la presenza di schiavi orientali, Leonardo era mancino e questa è un’altra caratteristica tipica di chi è abituato a scrivere da destra verso sinistra ed infine era anche vegetariano, pratica piuttosto inusuale all’epoca nel nostro Paese.

In conclusione il ricercatore italiano ha spiegato al South China morning post : “Non solo sullo sfondo della Monna Lisa appare un paesaggio cinese ma i lineamenti del viso e degli occhi della donna sono chiaramente orientali”. Per il web cinese infatti la prova più interessante è proprio quel sorriso: “enigmatico e insondabile” che come affermano alcuni internauti sarebbe “tipicamente cinese”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.