Ecco qual è il tallone d'Achille dell'influenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:29

Un nuovo passo importante verso il vaccino universale contro l'influenza è stato fatto. Infatti, è stato trovato il tallone d'Achille, ossia il punto debole, del virus. Si tratta di un anticorpo umano che è in grado di neutralizzare una delle armi con cui il virus inganna le cellule per invederle. 

La scoperta

Questo anticorpo è stato sperimentato nei topi. Si è potuto osservare come sia riuscito a prevenire l'infezione di quattro ceppi di influenza che aggrediscono comunemente l'uomo. La scoperta, pubblicata sulla rivista Cell, è stata finanziata dai National institutes of Health (nih) degli Stati Uniti, attraverso l'Istituto Nazionale per le allergie e le malattie infettive (Niaid). La ricerca e la sperimentazione sono state condotte dalla Vanderbilt University, con il gruppo del dottor James E. Crowe, e dall'Istituto Scripps, con Ian A. Wilson.

Lo studio

L'anticorpo oggetto della ricerca è stato chiamato FluA20. I ricercatori lo hanno isolato da una persona che si era vaccinata più volte e, dopo averne ricavato la struttura, l'hanno analizzata. E' emerso che questo anticorpo è capace di riconoscere e distruggere parte della emoagglutinina, una parte della proteina che il virus utilizza per penetrare nelle cellule. 

La sperimentazione

I ricercatori hanno eseguito la sperimentazione dell'anticorpo nei topi. Dopo aver esposto i roditori a quattro diversi ceppi dell'influenza del tipo A, gli scienziato hanno iniettato l'anticorpo che è riuscito a prevenire l'infezione. Grazie ai dati emersi da questa sperimentazione, i ricercatori sono convinti di aver compiuto passi da gigante verso un vaccino universale contro l'influenza. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.