Collassa un edificio a Shanghai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:32

Tragedia a Shanghai, in Cina, dove cinque persone sono morte in seguito al crollo di un edificio che era interessato da lavori di ristrutturazione. Le autorità hanno dichiarato che il crollo si è verificato intorno alle 11.30, ora locale, in un quartiere centrale della città. I vigili del fuoco hanno comunicato che almeno una ventina di persone sono rimaste intrappolate sotto le macerie. 

Le vittime

I soccorritori, dopo aver rimosso il primo strato di macerie, sarebbero riusciti a trarre in salvo 11 persone. Il numero però non è ancora definitivo. Non è ancora chiaro quali siano le loro condizioni di salute. Nel frattempo,i media cinesi hanno riferito che l'ultimo bollettino fornito dal governo cittadino parla di cinque vittime accertate. Alle operazioni di soccorso hanno preso parte decine di veicoli e mezzi, oltre a 150 operatori specializzati nelle emergenze. 

Il palazzo crollato

Secondo quanto riportato dai media cinesi, la struttura che è collassata aveva un'area di circa 3.000 metri quadri. Immagini aeree che sono state pubblicate sui social mostrano che il tetto di circa metà dell'edificio è crollato. Il palazzo, che doveva diventare una concessionaria di auto della Mercedes Benz, era interessato da lavori di ristrutturazione. 

La situazione in Cina

Purtroppo la Cina non è nuova a questo tipo di incidenti, come nel 2016 quando una serie di edifici a più piani – costruiti senza rispettare le norme di sicurezza e pieni di lavoratori migranti – sono crollati a Wenzhou causando la morte di 20 persone. E ancora, nel 2010, un incendio devastò un palazzo residenziale di 28 piani e costò la vita ad almeno 58 persone. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.