Turismo: brusco calo degli italiani in vacanza all’estero

Dall'analisi Coldiretti/Ixe’, emerge che sono 33,5 milioni gli italiani che hanno deciso di andare in vacanza per almeno qualche giorno nell’estate 2021; una sostanziale stabilità nelle partenze rispetto allo scorso anno (-1%)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29

A causa del Covid anche l’estate 2021 è segnata da un brusco calo degli italiani in vacanza all’estero. Nello specifico, gli italiani che questa estate hanno deciso di andare in vacanza all’estero, dove in molti Paesi si registra la ripresa di contagi con disagi per il rientro di vacanzieri, è sceso sotto il milione e mezzo.

E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti su dati Istat dai quali si evidenzia che, in ogni caso, la stragrande maggioranza degli italiani all’estero resterà in Europa. A preoccupare, rileva Coldiretti, è la ripresa di contagi che sta interessando le più gettonate mete turistiche con nuove limitazioni agli spostamenti.

Il rapporto Coldiretti sulle vacanze italiane 2021

Dall’analisi Coldiretti/Ixè, emerge che sono 33,5 milioni gli italiani che hanno deciso di andare in vacanza per almeno qualche giorno nell’estate 2021; una sostanziale stabilità nelle partenze rispetto allo scorso anno (-1%). Nel rapporto si evidenzia che a pesare sono, nell’ordine, le difficoltà economiche, la paura del contagio ed i timori per il futuro. La gran parte dei vacanzieri – sottolinea la Coldiretti – ha scelto di ritardare le partenze che sono concentrate nei mesi di luglio e soprattutto agosto.

A cambiare profondamente rispetto allo scorso anno è invece – continua la Coldiretti – la presenza di turisti stranieri con un balzo del 32% fra luglio e agosto anche grazie al via libera del green pass Ue, secondo le proiezioni di Coldiretti su dati Isnart. Una previsione che – sottolinea la Coldiretti – conferma la buona percezione a livello internazionale dell’andamento della campagna vaccinale contro il Covid e della riduzione dei nuovi contagi in Italia, anche se le presenze restano ancora molto inferiori a quelle dell’ultimo anno prima della pandemia.

Vacanze sotto casa

Le vacanze 2021 evidenziano una netta preferenza degli italiani verso le mete nazionali – sottolinea la Coldiretti – per il desiderio di sostenere il turismo tricolore ma anche per i limiti e le incertezze ancora presenti per le mete estere più gettonate nonostante l’arrivo del green pass.

La conferma che l’emergenza Covid ha condizionato quest’anno la scelta del luogo il fatto che – precisa la Coldiretti – ben un italiano su tre (33%) in vacanza resta all’interno della propria regione e solo il 6% prevede di andare all’estero. Se la spiaggia – spiega Coldiretti – resta la meta preferita, tiene il turismo in montagna e quello di prossimità con la riscoperta dei piccoli borghi e dei centri minori nelle campagne italiane, in alternativa alle destinazioni turistiche più battute, mentre crollano le presenze nelle città.

La maggioranza degli italiani in viaggio – precisa la Coldiretti – ha scelto di riaprire le seconde case di proprietà, o di alloggiare in quelle di parenti e amici o in affitto, ma nella classifica delle preferenze ci sono le pensioni e gli alberghi e molto gettonati sono gli agriturismi che, spesso situati in zone isolate, in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e ampi spazi nel verde sono forse i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche.

Tra gli svaghi preferiti dei turisti italiani e stranieri accanto ad arte, tradizione, relax e puro divertimento, dopo il lungo lockdown c’è la ricerca del cibo e il vino locali è diventata la prima voce del budget delle vacanze Made in Italy nel 2021 con circa 1/3 della spesa per consumi al ristorante, street food o per l’acquisto di souvenir.

L’Italia è leader mondiale incontrastato nel turismo enogastronomico – conclude la Coldiretti – grazie al primato dell’agricoltura più green d’Europa con 315 specialità ad indicazione geografica riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, 5266 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 80mila operatori biologici e la più grande rete mondiale di mercati di agricoltori e fattorie con Campagna Amica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.