Nepal: ong cristiana inaugura una nuova scuola per i bambini terremotati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:01

Una nuova scuola fonte di speranza per 300 bambini e ragazzi che vogliono tornare a studiare dopo il catastrofico sisma del 2015. E’ quanto accade in Nepal, dove la ong “Bangalore Cares for Nepal”, associazione cristiana indiana, ha inaugurato un nuovo plesso scolastico, il “Jal Kalyan Vidyalay”, nel villaggio di Madhurapatti (nel distretto di Kavre, a circa 50 km da Kathmandu) dopo che la struttura originaria era crollata a causa del terremoto di due anni fa. In questi anni, gli studenti erano stati spostati in classi temporanee o smistati su altre strutture.

La struttura

L’organizzazione spagnola Proclade ha finanziato l’opera di ricostruzione donando oltre 58mila euro. L’istituto – composto da 4 classi, una biblioteca e un laboratorio di scienze – fornisce un’educazione sia a studenti del liceo sia a quelli della scuola secondaria provenienti da tutte le aree circostanti. Il progetto è stato disegnato dalla onlus Nepali Watch insieme alla dirigenza e agli insegnanti della scuola. All’inaugurazione, presieduta dal sindaco di Namobudha e da p. George Kannanthanam, coordinatore di Bangalore Cares for Nepal, era presente anche p. Antony Sebastian dell’associazione Echo e dal sig. Jose di Aifo.

La ong e il terremoto

“Bangalore Cares for Nepal” è un’iniziativa della Chiesa indiana sotto la supervisione di p. George Kannanthanam. In questi due anni, l’organizzazione ha permesso a circa 1000 studenti di tornare a studiare nonostante il sisma. Il terremoto del Nepal del 25 aprile 2015 fu di magnitudo 7,8 con epicentro a circa 34 km a est-sud-est di Lamjung e causò più di 9000 morti nonché gravissimi danni in tutto il Paese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.