Mozambico: al via il progetto contro le malattie croniche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43

Medici con l’Africa Cuamm, in collaborazione con il programma Dream della Comunità di Sant’Egidio e Aifo, hanno lanciato in Mozambico (Africa sud orientale) un nuovo progetto contro le malattie croniche. Tre le province coinvolte: Maputo, Sofala e Zambezia. Due ospedali e dodici centri di salute coinvolti, al fine di portare la prevenzione e il trattamento di ipertensione, diabete e cancro alla cervice nei villaggi remoti della regione. Il progetto verrà sviluppato con il sostegno economico di Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), per un investimento di oltre sette milioni di euro in tre anni. Una risposta concreta al problema delle malattie croniche a beneficio di oltre 370.000 abitanti.

Diabete e ipertensione

Malattie come diabete e ipertensione colpiscono sempre più frequentemente anche l’Africa. Scarsa educazione, poca prevenzione e stili di vita non salutari sono le cause principali dell’aumento della loro diffusione nel continente africano. Per le donne si aggiunge anche la minaccia del cancro alla cervice, facilmente prevenibile in occidente, ma ancora poco conosciuto in Africa. “In Mozambico – spiega Giovanna De Meneghi, rappresentante di Medici con l’Africa Cuamm nel Paese al Sir – più del 30% della popolazione soffre di ipertensione e tra il 5 e 8% di diabete. Intervenire per prevenire e trattare le malattie croniche è una priorità per il Cuamm, per non trasformare problemi gestibili in una minaccia di salute globale, con costi più pesanti per sistemi sanitari già molto fragili, ma anche per le famiglie e per i singoli cittadini”.  “L’ipertensione e il diabete sono in aumento in Mozambico, anche a causa della crescita economica e dell’allungamento della vita – aggiunge Fausto Ciccacci, tra i responsabili degli interventi sanitari del programma Dream della Comunità di Sant’Egidio –, ma questo porta ad una doppia sfida per il sistema sanitario mozambicano: le malattie croniche emergenti accanto alle purtroppo ancora diffuse malattie della povertà. Questo progetto rappresenta per Sant’Egidio un ulteriore passo a sostegno del Ministero della salute per il benessere della popolazione mozambicana”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.