In Venezuela livelli inediti di repressione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:40

Il governo venezuelano ha usato in modo sistematico la forza più brutale, includendo la tortura, contro manifestanti e dirigenti dell'opposizione”. E' quanto si legge in un rapporto, ben 73 pagine, redatto da Human Rights Watch in collaborazione con l'Organizzazine non governativa venezuelana Foro Penal, il cui contenuto è stato anticipato alla stampa prima della sua presentazione ufficiale a Washington. 

Abusi sistematici e repressione costante

Le due Organizzazioni non governative hanno denunciato che gli “abusi sistematici” e la “repressione costante” dell'opposizione al goverrno di Nicolas Maduro hanno raggiunto “livelli inediti” durante il 2017. Agenti delle forze dell'ordine che hanno picchiato con violenza i detenuti, torture con scariche elettriche, asfissia, aggressioni sessuali, uso eccessivo della forza contro i manifestanti e processi arbitrari contro i dirigenti dell'opposizione: sono questi gli abusi registrati in Venezuela e denunciati dalla Human rights Watch. “Anche se non si tratta del primo attacco del governo Maduro contro chiunque lo critichi, nel 2017 la magnitudine e la gravità della repressione ha raggiunto livelli inediti nella storia recente del Venezuela”, sottolinea il dossier. 

La repressione contro chi critica il governo

Ma non sono solo i dirigenti dell'opposizione a finire nel mirino del governo venezuelano. Infatti, l'allenatore della nazionale femminile under 20, il panamese Kenneth Zseremeta, è stato licenziato. Ufficialmente, la Federcalcio ha rilasciato un comunicato spiegando che il tecnico è stato allontanato perché “i risultati ottenuti in partite ufficiali es amichevoli durante il ciclo di preparazione per il campionato sudamerciano della categoria, che decide la qualifica per la Coppa del Mondo, non sono stati all'altezza delle aspettative”. In realtà, Zseremeta pochi giorni fa, alla conclusione dei Giochi Bolivariani, aveva detto alla stampa che gli venivano “le lacrime agli occhi” quando vedeva come alcune delle sue giocatrici soffrono “di un livello tremendo di malnutrizione”

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.