Bonus mamme anche alle donne straniere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00

Condotta discriminatoria”. Di questo è stata accusata l'Inps dal Tribunale di Bergamo, sezione Lavoro. Il motivo? L'ente previdenziale non elargiva alle donne straniere il cosiddetto “bonus mamma domani”, cioè gli 800euro una tantum alla nascita di un figlio. La legge approvata un anno fa prevedeva questa misura per tutti i nati dall'1 gennaio al 31 dicembre 2017, senza distinguere la nazionalità delle beneficiarie. L'Inps aveva però emanato una circolare per precisare che il bonus era escluso alle mamme straniere senza permesso di soggiorno di lungo periodo.

Si è così creata una sorta di “class action” di ventiquattro madri provenienti da Paesi extracomunitari, ma residenti da anni in Italia nella provincia di Bergamo. E ora i giudici hanno dato loro ragione, giacché – rilevano – escluderle contrasta non soltanto con il testo della legge italiana, ma anche con la direttiva 2011/98 dell’Unione Europea che assicura la parità di trattamento nell’accesso alle prestazioni di maternità a tutti i migranti titolari di un permesso per famiglia o per lavoro.

Ora l'Inps dovrà “cessare la condotta discriminatoria”, pagando alle mamme “le somme non corrisposte” (cioè gli 800 euro più interessi), e a versare loro anche 3mila euro per le spese legali.

La sentenza si inserisce nel dibattito attuale sull'estensione del bonus bebé anche al 2018. In tal senso gli avvocati delle ventiquattro donne straniere (appartenenti ad Asgi-Associazione studi giuridici sull’immigrazione) hanno chiesto che la sentenza sia una sollecitazione al governo affinché “non ignori ancora una volta la necessità sociale e l’obbligo giuridico di non escludere le famiglie straniere da queste forme di sostegno”, pena il rischio per l’Italia di subire dall’Europa “una procedura di infrazione”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.