“Non disarmiamo la sostenibilità”. Domenica la mobilitazione scout per la cura del creato

"La creazione non smette di annunciare sebbene a volte noi cessiamo di ascoltare". Ad aderire con convinzione al mese della difes ambientale proposto dall'associazione Laudato si’ è anche il Movimento adulti scout cattolici italiani (Masci)

energia

Mobilitazione scout per la sostenibilità ambientale. E’ una “adesione convinta” quella del Masci al mese del Creato proposto dall’associazione Laudato si’. Il Movimento adulti scout cattolici italiani festeggia, quindi, la giornata dell’adulto scout con una “sfida”. E cioè vivere in mezzo al verde. Lontano dal rumore della “nostra abituale vita“. Favorendo momenti di riflessione critica. Partecipando a funzioni religiose ricche di riferimenti alla cura del creato. Domenica 2 ottobre il Masci promuove, dunque, una serie di iniziative ispirate ai temi della “cura del creato”. In sintonia con il percorso del Movimento Laudato Si’.scout

Vocazione scout

“Ascolta la voce del Creato” è il tema proposto quest’anno. Nella convinzione che “la creazione non smette di annunciare”. Sebbene a volte “noi cessiamo di ascoltare“. Ogni comunità Masci proporrà di celebrare messa in un luogo verde. Lontano dal frastuono della città. Insieme a tutti coloro che vorranno vivere un momento di riflessione sulla cura del creato. L’altare e l’ambone saranno costituiti da elementi naturali. E verranno decorati con spighe, fiori e frutti di stagione. Il tabernacolo sarà costituito dalla tenda. Ricordo del Verbo che “pianta la sua tenda in mezzo a noi“. E che contiene il roveto ardente. Simbolo dei grido degli oppressi. Massimiliano Costa è il presidente del Masci. “Al termine della celebrazione lanceremo l’appello. Non disarmiamo la sostenibilità – spiega-. Questo momento della storia è particolarmente difficile. Tra pandemie e guerre si rischia di far passare in secondo piano l’urgenza per la salvezza ambientale ed umana del nostro pianeta”.scout

Piccoli passi

Il Masci, perciò, vuole rilanciare l’attenzione all’ecologia integrale di Papa Francesco. Perché “possiamo cambiare davvero questo nostro mondo solo tutti insieme”. Compiendo “piccoli passi di conversione del nostro stile di vita“. Offrendo un futuro alle prossime generazioni. La mobilitazione invita ad ascoltare la voce del creato. In linea con le celebrazioni per il Tempo del Creato. Periodo ecumenico di preghiera e azione per la casa comune. Per rispondere con responsabilità a questa chiamata. Più di cento, ma il numero cresce di ora in ora, le comunità che hanno diffuso iniziative in tutta Italia. Alcune iniziative locali. Nel Lazio, a Tuscania, lunedì 3 Santa Messa nella Chiesa della Rosa alle 17.30; Con percorso dalla chiesa al Monastero di San Paolo e apertura dell’anno scout alle 19.15. A Guidonia il 1 ottobre funzione alle 17 per la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù. Roma 6 ha organizzato la funzione il primo ottobre alle 19 nei giardini della parrocchia dell’Assunzione (largo Spartaco). A Milano l’1 e il 2 dalle 10 alle 17 alla casa scout di via Burigozzo 11 c’è la mostra sulle attività svolte nel capoluogo meneghino. Con messa alle 11 nella Cappella di San Giorgio.accoglienza

Supporto

Il Movimento adulti scout cattolici italiani è stato fondato nel 1954 da Mario Mazza. Dirigente dello scautismo cattolico giovanile. Il Masci è nato come associazione di adulti ex scouts impegnata soprattutto nel supporto allo scautismo giovanile. Poi nel tempo è divenuto una realtà aperta a tutti gli adulti che si riconoscono nei suoi valori e principi. E che vogliono condividerne il cammino concreto. Con circa 6200 iscritti, il Movimento Adulti Scout è strutturato in comunità dotate di larga autonomia. E diffuse su tutto il territorio nazionale. Il coordinatore responsabile è denominato Magister. Ogni comunità è impegnata nell’educazione degli adulti che la compongono. E in specifiche attività di servizio del prossimo. Secondo modalità di impegno ecclesiale, sociale e politico che tengono conto delle specifiche esigenze del territorio. Il Movimento Laudato Si’, invece, è una rete di oltre 700 organizzazioni. Dalle grandi reti internazionali agli ordini religiosi locali. Oltre a parrocchie, leader di base e migliaia di cattolici. Impegnati a rispondere all’appello urgente per la cura della nostra casa comune. Lanciato da Papa Francesco nell’enciclica Laudato si’.