Monsignor Cibambo (Caritas Internationalis): “C’è assoluto bisogno di una Chiesa samaritana”

Intervista di Interris.it a monsignor Pierre Cibambo, Assistente Ecclesiastico di Caritas Internationalis: "Empatia significa mettersi nei panni di chi soffre"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Sudan

“Non ho nessuna lezione da dare. Ma credo che tutti noi abbiamo la responsabilità di prenderci cura dei nostri anziani che ci hanno dato tutto quello che potevano. Mia madre ora ha 96 anni e noi siamo 10 fratelli e sorelle. Lei continua a vivere circondata dai suoi figli, nipoti e nipoti. È vero che è stata benedetta da una salute solida. Ma questo ambiente sociale l’ha mantenuta in salute. Sia mentalmente che fisicamente. E di questo ringraziamo Dio!”, racconta a Interris.it monsignor Pierre Cibambo, Assistente Ecclesiastico di Caritas Internationalis dal 2012.

Caritas
Pacchi alimentari da Caritas ai poveri

La risposta globale di Caritas Internationalis alla pandemia

Monsignor Cibambo è originario di Bukavu (Repubblica Democratica del Congo). Capoluogo della provincia del Kivu Meridionale è un porto sulla sponda sud-occidentale del lago Kivu. Spiega a Interris.it l’Assistente Ecclesiastico di Caritas Internationalis: “Non direi che il valore sociale della solidarietà cambi in tempo di pandemia. Certo è messo in discussione. Ma in molti casi diventa ancora più forte e più rilevante e credibile. Quando le persone hanno coltivato e nutrito il valore della solidarietà autentica, questo rimane per sempre. Poiché diventa qualcosa di simile a una cultura e a una seconda natura. Questo è ciò che abbiamo visto e continuiamo a vedere e a sperimentare in molte comunità. In esse, nonostante i rischi della pandemia, le persone continuano ad aiutarsi l’un l’altra. In ogni modo possibile”.caritasCosa insegna l’emergenza Covid al terzo millennio globalizzato?

“Molti rischiano la loro vita per servire gli altri ed essere vicini a loro. Lo abbiamo visto tra i professionisti e il personale del settore sanitario. Tra i membri di piccole comunità cristiane. Volontari, sacerdoti, gruppi religiosi. In Caritas comprendiamo e promuoviamo la vera solidarietà. Non come un sentimento di simpatia ma di empatia. Ciò significa mettersi nei panni di chi soffre. Questo è un valore fondamentale per la famiglia Caritas. Perché è centrata sulla sequela di Cristo. ‘Egli infatti, assumendo la natura umana, ha legato a sé come sua famiglia tutto il genere umano’ (Apostolic Actuositatem 1965, numero 8)”.caritasPuò farci un esempio?

“Siamo sempre umili e commossi di fronte alle tante donne e agli uomini che in tempi di calamità naturali e umane si adoperano per aiutare. Papa Francesco ha chiamato queste persone ‘i santi della porta accanto’. E sì, lo sono! Alcuni hanno salvato vite umane. Perdendo la loro vita durante l’epidemia di Ebola in Africa occidentale e nella Repubblica Democratica del Congo. Oggi, con la pandemia di Covid-19, stiamo raggiungendo le diverse comunità. In particolare nel Sud del mondo. Per sostenere le iniziative comunitarie di prevenzione. E in molti casi, per curare coloro che sono stati colpiti e infettati dal virus”.caritasA cosa si riferisce?

“Questa pandemia non conosce frontiere. Tutti possono essere infettati. All’inizio, coloro che hanno sofferto di più e hanno perso la vita a causa di questa pandemia erano soprattutto gli anziani. E le persone con condizioni di salute precarie. È stato scioccante assistere a questa realtà anche nei Paesi più sviluppati. Le perdite in termini di vite umane nelle case per anziani sono state sorprendenti. Si è potuto scoprire improvvisamente l’esistenza di diverse forme di povertà. E di situazioni di emarginazione anche nelle società cosiddette civili!. Molti sono morti in isolamento senza essere accompagnati dai loro cari. Spero che si possano trarre lezioni da quanto è accaduto. E che il modello sociale promosso in questa parte del mondo venga seriamente messo in discussione e cambiato”.caritasCioè?

“Sarebbe semplicistico chiedere la chiusura di tutte le case che ospitano persone anziane. Ciò che è necessario è necessario. Ma a volte ho l’impressione, se non la convinzione, che queste case ospitino molti genitori che non dovrebbero essere lì. Sono stati separati dalle loro famiglie. E questo provoca una sofferenza indicibile. Riflettiamo su chi soffre di più per l’emergenza Covid-19. Dobbiamo ammettere che non siamo uguali di fronte a questa pandemia”.caritasI più esposti al Covid sono i più fragili?

“Sì. Per esempio la maggior parte degli infetti e dei morti negli Stati Uniti sono membri di comunità povere, afro-americani. Persone non coperte da assicurazione sanitaria. Allo stesso tempo, abbiamo visto capi di Stato, ministri, re, alti prelati, giocatori di calcio. prendere il virus e riprendersi rapidamente da esso. Poiché loro hanno accesso alle migliori cure disponibili. Inoltre, hanno tutto ciò di cui hanno bisogno per proteggersi. Inutile dire che questo non è il caso degli abitanti delle città popolate. Delle baraccopoli nel sud del mondo. Dei molti campi profughi. O dei migranti nei centri di detenzione”.

Il cardinale Luis Tagle è presidente di Caritas Internationalis e prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli

Qual è la vostra priorità nell’emergenza sanitaria e sociale?

“La nostra priorità in risposta alla pandemia di Covid-19 è proprio quella di fornire sostegno e solidarietà ai più vulnerabili. Ad esempio attraverso il Fondo di Risposta al Covid-19. E’ stato creato da Caritas Internationalis assieme al Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano integrale. Il fondo è stato istituito in risposta all’appello di Papa Francesco che ci ha invitato ad essere solidali con i più vulnerabili. Anche attraverso piccoli gesti di solidarietà. Grazie ad esso, siamo stati in grado di sostenere molti progetti”.caritasQuali?

“29 progetti in Africa (Sudafrica, Repubblica Centrafricana, Burkina Faso, Malawi, Mali, Nigeria, Asia, Nigeria, Ghana). In Asia (India, Pakistan, Sri Lanka, Bangladesh). In America Latina (Honduras, Cile, Repubblica Dominicana, Ecuador, Bolivia). In Medio Oriente (Gerusalemme, Libano, Algeria, Iraq, Iran, Yemen). In Europa (Grecia, Ucraina). In generale abbiamo risposto alle esigenze alimentari. Alle richieste di acqua e di servizi igienici. Alle iniziative volte a rafforzare gli operatori che assistono gli anziani e le persone a rischio, come le donne incinte. E alla necessità di medicine e alloggi. Abbiamo investito anche nella sensibilizzazione di massa. Credo che questo abbia salvato milioni di persone da questa terribile pandemia”. caritasQual è la mappa dello tsunami sociale provocato dal Covid?

“Una breve osservazione sulla pandemia nel Sud del mondo. In particolare in Africa. Si è osservato che il continente è stato relativamente meno colpito. Molti africani lo chiamano un ‘miracolo’. Dal momento che tutti avevano previsto un’ecatombe. E ciò considerando le limitate strutture sanitarie. Le scarse infrastrutture idriche e igienico-sanitarie. E la povertà in generale che si riscontra nella maggior parte dei Paesi africani”.caritasE invece?

Alcuni esperti e analisti ritengono che ciò sia accaduto perché la popolazione del continente è in maggioranza giovane. Ulteriori studi ci aiuteranno certamente a comprendere questa realtà. Nel frattempo, speriamo che il ‘miracolo’ duri. Mentre la seconda ondata della pandemia si fa sempre più allarmante nei Paesi sviluppati”.caritasCome si articola la vostra risposta globale alla pandemia?

“Nella maggior parte dei Paesi dove la Caritas opera a tutti i livelli, e in particolare nelle comunità locali, abbiamo osservato una tendenza. E cioè molti condividono ciò che sono e ciò che hanno. Il rischio di discriminazione nei confronti di coloro che sono infetti esiste. Ma anche in questo caso non può essere generalizzato. Penso che finiremo per renderci conto, come diceva Papa Francesco, che nessuno può salvarsi da questa pandemia. Quindi, sono necessari sforzi collettivi. E un senso di responsabilità. Specialmente da parte di coloro che sono in posizione di leadership. Invece di spendere tempo in lotte di potere e in critiche negative l’uno contro l’altro, dovrebbero unire i loro sforzi. Per fornire risposte adeguate alla pandemia e ai suoi effetti”.caritasIl Covid amplia l’emarginazione sociale?

“Ringraziamo Dio per il dono del Vangelo che ci mostra come rispondere alle sofferenze di molti all’interno delle nostre comunità. Seguendo le orme di Gesù che non è mai stato indifferente a qualsiasi situazione di sofferenza. E ha fatto di tutto, non solo per curare i malati, ma anche per rimandarli alle loro comunità. Per Gesù, nulla poteva giustificare l’esclusione sociale. Eppure essa era una pratica del suo tempo. Anche in nome della religione. Lui è venuto tra noi affinché ‘abbiano la vita e l’abbiano in pienezza ed abbondanza’ (Gv 10,10). E affermò la dignità di ogni persona umana creata a immagine di Dio”.caritasQuale insegnamento ne trae la Chiesa?

“La Chiesa è sempre stata in prima linea nell’affrontare il flagello dell’esclusione sociale. E nell’affermare la dignità umana. Oggi più che mai è chiamata a tornare al Vangelo. È qui che si possono trovare risposte autentiche. Cercando di fare ciò che Gesù ha fatto, Ma imitando coloro che nella storia della Chiesa hanno dato la loro vita. I santi (ad esempio padre Damiano e molti altri) che hanno risposto alle necessità del loro tempo”.CaritasIn che modo?

“Dando la loro vita come Gesù e servendo l’amore. E attraverso piccoli gesti e iniziative per mettere in contatto le persone. Per raggiungere i bisognosi. Per andare nelle periferie. Per toccare le ferite dei poveri. E’ così che la Chiesa diventerà attraente e significativa per le donne e gli uomini del nostro tempo. Abbiamo assolutamente bisogno di una ‘Chiesa samaritana’. L’unica in grado di offrire un prezioso contributo. E un raggio di luce nelle ‘nuvole scure su un mondo chiuso’ (Fratelli tutti)”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.