Non hanno mezzi per andare a vivere da soli: 2,5 milioni di giovani costretti a casa

450 mila italiani (4,2%) tornano dai genitori dopo una separazione o un divorzio. Gli uomini mediamente, lasciano l'abitazione di origine appena prima di compiere 28 anni, le seconde, invece, poco dopo aver tagliato il traguardo del 25° compleanno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
giovani
giovani

Condizioni disagiate

Differenza tra uomini e donne

La ricerca se da un lato ha testimoniato come l’età media a cui i ragazzi lasciano il nido famigliare per andare a vivere in autonomia sia alta. Soprattutto se confrontata con la maggior parte dei paesi del Nord Europa. Dove la media è inferiore ai 22 anni. Dall’altro ha certificato come a costringerli a fare questa scelta sia l’impossibilità di pagare un mutuo o un affitto prima di raggiungere i 26 anni. L’analisi (realizzata su un campione rappresentativo della popolazione italiana adulta) ha messo in evidenza anche una differenza di genere. Considerando l’uscita di casa da parte dei giovani italiani, uomini e donne si differenziano tra loro. Gli uomini, mediamente, lasciano la casa di origine appena prima di compiere 28 anni. Le donne, invece, poco dopo aver tagliato il traguardo del 25 esimo compleanno.giovani

Giovani in casa

Tra coloro che hanno lasciato la casa di origine, più di 6 su 10, pari a oltre 19 milioni di persone, lo hanno fatto per andare a convivere con il proprio partner. Percentuale che arriva al 69,7% se si considera il solo campione femminile. Più di un italiano su 10 (oltre 3 milioni e mezzo di individui) ha lasciato il nucleo per lavorare fuori sede. Mentre il 7,7% per studiare in una città differente da quella in cui viveva. Dove vivono oggi coloro che sono usciti di casa? Quasi la metà (48,7%), vale a dire più di 16 milioni di italiani, abita in una casa in affitto. Quota che sale fino a raggiungere il 52,5% tra i giovani appartenenti alla fascia 25-34 anni. Sono 8 milioni (25,2%), invece, quelli che vivono in una casa di loro proprietà. Ma solo 3.300.000 (21,4%) sono donne.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.