“Povero cuore di vescovo”: la missione del Pastore secondo padre Sapienza

Il reggente della Prefettura della Casa Pontificia racconta il "mestiere" del vescovo attraverso il pensiero di San Paolo VI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Sapienza

Il vescovo è pastore. Dono totale, supremo, dono gaudioso. Ma, molte volte, anche “dono doloroso”. Il vescovo è un cuore, dove tutta l’umanità trova accoglienza. Come osservò Paolo VI in un suo discorso del 30 giugno 1974. Il cuore del Pastore nel “mestiere” del vescovo. A descriverlo è padre Leonardo Sapienza, reggente della Prefettura della Casa Pontificia. Autore di apprezzati saggi come “La Parola ai poveri” (Edb).

vescovo
Giorgio La Pira e don Primo Mazzolari

Dottrina e parola autorevole

Una raccolta di scritti del parroco di Bozzolo, don Primo Mazzolari. Esce adesso il nuovo libro di padre Sapienza. “Povero di cuore di vescovo“. Religioso rogazionista è uno dei più stretti collaboratori di papa Francesco. La sua capacità organizzativa è stata ininterrottamente al servizio di tre pontefici. Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e ora Francesco. Padre Sapienza sintetizza il pensiero di papa Montini sull’episcopato: “Per guidare i presbiteri. Per formare i seminaristi. Per parlare ai laici di oggi. Non basta il fascino. Non bastano le adunate oceaniche. Ci vuole una dottrina. Ci vuole un esempio. E una parola autorevole”. vescovo

Sapienza di vescovo

I poveri chiedono la parola. Non strumentalizzazioni ideologiche. Attraverso la povertà la Chiesa può parlare con credibilità al cuore di ogni uomo. I poveri rappresentano un severo richiamo. Per chi è chiamato a decidere le sorti dell’umanità. Padre Leonardo Sapienza è il reggente della Prefettura della Casa Pontificia. Ha pubblicato un nuovo volume. Dedicato al “mestiere” del vescovo attraverso il pensiero illuminante di Paolo VI. Il libro si intitola “Povero cuore di vescovo” (edizioni Vivere In). Vescovo

Assemblea

Padre Leonardo Sapienza rievoca all’Adnkronos l’11 giugno 1973. Quando Paolo VI inaugura la 10° Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana. “Mentre vede sfilare davanti a sé tante teste mitrate- racconta padre Sapienza parlando di Montini- sussurra benevolmente a monsignor Virgilio Noè, maestro delle cerimonie pontificie: ‘Quanto spirito santo!’. Paolo VI ha amato tanto i vescovi italiani, che poteva seguire da vicino”. Le riflessioni di padre Sapienza sono di grande attualità. “Conoscendo tante situazioni particolari di tensioni e pressioni in molte diocesi- evidenzia padre Sapienza riferendosi a papa Montini-. Durante quella messa chiedeva: “ditelo voi. E’ facile oggi fare il vescovo?‘”. vescovo

“Mestiere” di vescovo

L’Italia è erede di una formazione religiosa ottima. Ma forse ormai un po’ stanca e consuetudinaria. “Nessuno vorrà dire che sia facile oggi fare il vescovo!”, disse Paolo VI l’11 aprile 70. “Ci vuole coraggio, ci vuole fede per rispondere ad una tale vocazione- puntualizza oggi il reggente della Prefettura della Casa Pontificia. Forse è per questo che sempre più spesso accade che la risposta sia no. Cioè “si moltiplicano i casi di candidati all’episcopato che non accettano una simile investitura”. Lo ricorda lo stesso Paolo VI: “Non ci sorprende notare spesso come candidati chiamati all’episcopato cerchino declinare tale ufficio. Che oggi non solo per le intrinseche esigenze. Ma anche per tante estrinseche difficoltà sembra essere diventato incomportabile” (11 aprile 1970). vescovo

Garante e promotore

“Povero cuore d’un vescovo come farà ad assumere tanta ampiezza?”, disse Paolo VI. “Il vescovo è il garante e promotore della pluralità e dell’unità– commenta padre Sapienza-. Sempre impegnato a frenare le fughe in avanti. E a stimolare chi rallenta il cammino“. Padre Sapienza cita un anziano presule sulla propria esperienza: “Se pur ci fosse stata una punta di vaghezza, nel desiderare l’episcopato, l’amara esperienza dopo soltanto un anno ti riporta alla triste realtà. Diffidenza. Difficoltà. Ostilità. Avversità. Divisioni e opposizioni nel clero. Rifiuto di impegno da parte dei laici. La grande tentazione è quella della disperazione e della sfiducia. In fin dei conti il vescovo è una vittima!“.  Nondimeno, considera padre Sapienza, “c’è ancora chi desidera, con una certa dose di incoscienza, ardentemente ‘fare carriera’. Aspirando all’episcopato”. vescovo

No al carrierismo

Padre Leonardo Sapienza riporta un aneddoto. Che può essere un monito per chi ancora oggi come allora briga per la carriera. “Si racconta di un Officiale che scalpitava per diventare vescovo- ricostruisce all’Adnkronos il religioso rogazionista-. Il suo superiore aveva coniato un consiglio bonario che dava ai collaboratori. ‘Dategli quel che chiede. Per non dargli quel che vuole’. E il diretto interessato, vedendo ormai sfumare il suo desiderio, andava ripetendo: ‘Mordere non posso. Lasciatemi abbaiare'”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.