GIOVEDÌ 15 NOVEMBRE 2018, 12:23, IN TERRIS

PERNIGOTTI

Di Maio: "Presto una legge che lega i marchi al territorio"

Il ministro tra i lavoratori di Novi Ligure chiede un confronto con Toksoz, che ribadisce la chiusura

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Lavoratori Pernigotti sotto il Mise
Lavoratori Pernigotti sotto il Mise
S

vendita Italia, il Governo non ci sta. Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, stamattina incontrato davanti al Ministero i lavoratori della Pernigotti, in mobilitazione dopo che il gruppo turco Toksoz, proprietario dell'azienda dal 2013, ha deciso di chiudere la sede storica di Novi Ligure.


La promessa di Di Maio

"Entro la fine dell'anno faremo una proposta di legge che lega i marchi (italiani) al territorio", ha annunciato il vicepremier. "Penso che entro questa settimana riusciremo ad ultimare la norma ed entro la fine dell'anno sarà legge", ha aggiunto. Se verrà approvata, la legge dovrebbe tutelare le aziende storicamente italiane a rimanere nel proprio territorio.


Il gruppo turco conferma la chiusura

Al Mise è in corso un tavolo di lavoro presieduto da Di Maio. I sindacati respingono la proposta di chiusura della sede di Novi Ligure, perché abbasserebbe la qualità dei prodotti Pernigotti. Di Maio, sempre secondo i sindacati, avrebbe chiesto un confronto diretto con la multinazionale turca Toksoz, proprietaria dell'azienda e non presente al tavolo, e riferito che anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intenzionato a incontrarli.


La posizione dei sindacati

"Non c'è solo il problema dell'occupazione, che per noi è prioritario, ma c'è anche una truffa nei confronti dei consumatori che leggono Pernigotti 1860 e comprano cioccolato prodotto altrove", afferma il segretario generale della Uila Uil, Stefano Mantegazza. Le richieste del sindacato sono cassa integrazione per almeno due anni per trovare soluzioni che consentano di tenere insieme il marchio e la produzione e anche una norma di legge che leghi i prodotti storici ai luoghi in cui sono prodotti. Il segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, in particolare, fa "un appello per un intervento in termini legislativi a sostegno del Made in Italy e delle produzioni italiane". "Pernigotti non è in crisi. C'è una scelta precisa di delocalizzazione che crea un precedente pericolosissimo perché è una delocalizzazione tutta italiana", osserva, infine, il segretario generale della Flai Cgil, Ivana Galli, sottolineando che Toksoz intende appaltare la produzione a cooperative solo per abbattere i costi". Intanto, una delegazione di 50 lavoratori, in presidio sotto al ministero, ha distribuito cioccolatini Pernigotti ai passanti scandendo cori come "Lavoro! Lavoro!" e "noi siamo Pernigotti. Pernigotti è di Novi".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato
Concilio Vaticano II

Pietro non fa politica

La tentazione è vecchia di due millenni: cercare di tirare la bianca veste verso una parte,...
Palazzo Chigi
GOVERNO

Manovra, salta l'intesa in Cdm

Ok alla riforma del processo civile ma Italia viva fa muro su sugar e plastic tax. Conte: "L'esecutivo va avanti"
AFRICA

Ecco chi sono le 14 persone rapite dall'Isis

La notizia è stata diffusa dal Site
L'elemosiniere di Sua Santità, Konrad Krajewski, e Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, mentre accolgono i 33 profughi provenienti da Lesbo a Roma Fiumicino - Foto © Sir
CHIESA IN USCITA

L'elemosiniere del Papa: "Se aprissimo le nostre parrocchie, a Lesbo non ci sarebbero più profughi"

Parla il cardinale Krajewski, giunto a Fiumicino ad accogliere 33 rifugiati
MILANO

Dramma fuori dalla metro, clochard muore di freddo

L'appello del sindaco Sala ai cittadini: "Invitateli ad andare nei centri"