DOMENICA 26 GIUGNO 2016, 000:02, IN TERRIS

L'attualità del "Papa buono"

AUTORE OSPITE
L'attualità del
L'attualità del "Papa buono"
Il pellegrinaggio a sotto il Monte dal "Papa buono" che la Comunità Papa Giovanni XXIII ha vissuto il 20 maggio è stato un immergersi nella via della pace che ha tracciato quest'uomo, contadino, nato in questo paesino del bergamasco, quarto di tredici figli. Da bambino guardava dalla finestra e vedeva il suo parroco, dopo la Messa, andare anche con la neve a dare la comunione agli ammalati: da Papa, col nome di Giovanni XXIII, si affaccerà per recitare l'Angelus ogni domenica e salutare tutti con il sorriso. Uomo semplice, umile, con il cuore nella sua famiglia ma cittadino del mondo, fu inviato in Bulgaria per camminare con i fratelli cristiano-ortodossi, quindi in Turchia per dialogare con il mondo islamico e nella Francia laicissima dove è riuscito a farsi volere bene da tutti puntando su ciò che unisce anziché su ciò che divide.

Pacioccone, un po' goffo, ritenuto un Papa di transizione, scriveva: "Nelle mie conversazioni notturne ho sempre avuto davanti a me questo Gesù crocifisso con le braccia aperte per ricevere tutti". Riuscì a salvare migliaia di condannati a morte dal nazismo, consapevole che "questa è l'ora dei grandi sacrifici. Nel sacrificio di ciascuno è il mistero della pace che il mondo aspetta, e noi invochiamo questa pace".

Il suo testamento spirituale "la Pacem in Terris", scritto nell'aprile del 1963 a pochi mesi dalla morte, dopo avere aperto il Concilio Vaticano II, è un capolavoro dello Spirito Santo che i pontefici successivi hanno attuato fino ad oggi con Papa Francesco. Sottolinea che tutti hanno diritto all'esistenza e ad un tenore di vita dignitoso, per quanto riguarda l'alimentazione, il vestiario, l'abitazione, le cure mediche, i servizi sociali necessari. Il diritto di onorare Dio secondo il dettame della retta coscienza. Il diritto di emigrazione e di immigrazione. Che l'autorità non può essere serva dell'interesse di uno o di pochi ma deve essere a vero vantaggio del bene comune. Che bisogna sapere leggere i segni dei tempi nella verità e nella giustizia. Che nulla è perduto con la pace e tutto può essere perduto con la guerra.

Inoltre richiama con forza che la pace si costruisce con il dovere di partecipare alla vita pubblica con competenza, unendo i valori spirituali alla vita per uno sviluppo integrale della persona in formazione, con un impegno costante. Termina dicendo: "A tutti gli uomini di buona volontà spetta un compito immenso, di ricomporre i rapporti della convivenza nella verità, giustizia, nell'amore e nella libertà". E chiede al buon Dio che "illumini i responsabili dei popoli perché difendano il gran dono della pace". Ora tocca a noi, è il tempo della responsabilità.

Tratto da "Sempre"
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Daniel Hegarty
MOTOCICLISMO

Motociclista muore durante il Gp di Macao

Daniel Hegarty aveva 31 anni: è finito contro le barriere
Malcom Young sul palco
HARD ROCK

E' morto Malcolm Young fondatore degli Ac/Dc

Il fratello Angus: "Ci lascia un'eredità attraverso la quale vivrà per sempre"
Carabinieri del Ros in azione
MAFIA

Taormina: 12 arresti nel clan Brunetto

Sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere di tipo mafioso
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'appello di Gentiloni ai sindacati: "Pacchetto rilevante, sostenetelo"

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini